8 ore fa:Brucia l'alto Jonio: incendi a Iti, Piana Caruso e Sibari
7 ore fa:Lo spoke ancora in sofferenza, Castrovillari fa quadrato attorno al suo ospedale
5 ore fa:Laboratorio creativo a Corigliano-Rossano per il progetto Green future Erasmus+
6 ore fa:Presto gemellati i comuni di San Cosmo Albanese e quello albanese di Mirdita
10 ore fa:Gallo alla mobilitazione Coldiretti Calabria "basta cinghiali": «La Regione farà la sua parte»
7 ore fa:Saccomanno ringrazia la Calabria «per il risultato straordinario della Lega alle ultime elezioni»
9 ore fa:Autonomia differenziata, Graziano e De Nisi (Azione) chiedono ai deputati di votare "No"
6 ore fa:Elezione diretta del premier e abolizione dei senatori a vita: approvato Ddl costituzionale al Senato
9 ore fa:Apprendimento, promozione territoriale e divertimento: numeri raddoppiati per il “Calabria Summer Camp 2024”
8 ore fa:Annunziata, entra in funzione il nuovo reparto di Ginecologia

Agenda urbana, il finanziamento per Co-Ro «è stato integralmente riassegnato ad altre priorità»

1 minuti di lettura

BRUXELLES - «Agenda urbana in Calabria continua ad accumulare ritardi, la certificazione della spesa non avanza e manca meno di un anno alla chiusura del programma».

L'eurodeputata del Movimento 5 stelle, Laura Ferrara torna a sollecitare Regione e Comuni sulla Strategia di Sviluppo Urbano Sostenibile (c.d. Agenda Urbana).

«Nell'ultima risposta alla mia interrogazione - fa sapere Ferrara - la Commissione mi informa che in base alle informazioni presentate dagli enti regionali in occasione dell'ultimo comitato di sorveglianza, fino ad ora non risulta completato alcun intervento riguardante i centri urbani incluso nel Programma operativo regionale della Calabria 2014-2020. Le spese certificate fino alla fine del mese di giugno 2022 legate a questa strategia ammontano a 3,72 milioni di euro. Giova ricordare che alla Strategia di sviluppo urbano sostenibile inizialmente erano stati destinati 191 milioni e vi rientravano oltre ai centri urbani di dimensione regionale, quelli di minor dimensione».

«Tuttavia, - spiega - visti i ritardi attuativi che si stavano accumulando, il finanziamento per i centri urbani di minori dimensioni (Crotone, Vibo Valentia, Lamezia Terme, Corigliano-Rossano e Gioia Tauro), è stato integralmente riassegnato ad altre priorità. Nonostante il ridimensionamento del programma, però, i progetti relativi alle aree di maggiore dimensione, ovvero Città di Catanzaro, Area Urbana di Cosenza-Rende e Città di Reggio Calabria dal 2021 continuano ad avanzare lentamente tanto che ad oggi la spesa è cresciuta solo di poche decine di migliaia di euro».

«A questo punto potrebbe risultare particolarmente difficile (fatti salvi i "miracolosi sprint" di fine anno a cui l'amministrazione regionale ci ha abituato in passato) riuscire a certificare le restanti risorse, poco meno di 90 milioni, da qui alla fine dell'anno, termine ultimo per la certificazione delle spese a valere sul Por Calabria 14-20. Questa strategia doveva rappresentare una priorità per portare nei territori risultati tangibili di sviluppo e coesione territoriale, nonché rafforzare e migliorare livello e qualità dei servizi pubblici urbani e sociali. Ancora una volta, invece, vince l'incapacità amministrativa e dovremmo aspettare la prossima occasione (Pnrr o Por 21-27). Sempre che riescano a spendere quelle risorse» conclude l'eurodeputata.

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.