15 ore fa:Eccezionale grandinata nella Sibaritide, Coldiretti chiede immediata ricognizione dei danni
6 ore fa:Giustizia, Papasso scrive a neo presidente del tribunale di Castrovillari: «Massima collaborazione»
14 ore fa:IL ROTOCALCO DELL'ECO - Una settimana di notizie in pillole
6 ore fa:La grande festa di San Francesco di Paola sarà celebrata il 27 giugno
9 ore fa:Covid, in Calabria continuano a diminuire i nuovi casi (+72) - TUTTI I NUMERI DEL CONTAGIO
15 ore fa:Il talentuoso pallavolista Laurenzano passa alla Prisma Taranto in SuperLega
7 ore fa:La Sibaritide perde un pezzo di giornalismo: se ne va Antonio Benvenuto
6 ore fa:Grandinata, Udc Cassano: «Regione celere, già domani sul territorio per quantizzare i danni»
16 ore fa:Miss Hitler, difesa dall’avvocato Francesco Nicoletti, non risponde al gip
11 ore fa:ARIE E RECITATIVI – Vicoli, belve e verità

Pesca sperimentale sardella, la Regione replica a Martilotti: «Tutto legittimo»

2 minuti di lettura

CATANZARO - «In riferimento al comunicato stampa diffuso dal “Comitato pescatori Calabria”, a firma del presidente Salvatore Martilotti, sulla pesca sperimentale della sardella, si ritiene doveroso fornire chiarimenti utili a chiarire i contorni della vicenda e a fugare ogni dubbio in ordine ad asserite illegittimità».

È quanto riportato in una nota del dipartimento Agricoltura e Risorse agroalimentari della Regione Calabria, diretto da Giacomo Giovinazzo.

«In particolare – si evidenzia –, dopo oltre 10 anni dalla chiusura della pesca della sardella, in seguito all’entrata in vigore del regolamento Mediterraneo (Reg Ce n. 1967/2006), su impulso dell’assessore Gianluca Gallo, il dipartimento Agricoltura e Risorse agroalimentari ha provveduto a dare risposta alle molteplici richieste di intervento dei pescatori calabresi».

«A tal riguardo – prosegue il dipartimento –, il ministero delle Politiche agricole, Alimentari e Forestali, sulla base del progetto “Sperimentazione della pesca delle specie sardina e sardinella”, presentato dalla Regione e finanziato con fondi Feamp 2014/2020, ha autorizzato, lo scorso 14 gennaio, la predisposizione di due proposte di Piano di gestione – nell’ambito l’una della sub area Gsa10, l’altra della Gsa19, da sottoporre entrambe all’esame della Commissione europea».

«Al fine di poter avviare la sperimentazione in tempi rapidi, così come indicato all’articolo 25 Reg. (Ue) n. 2019/1241 – è sottolineato –, è stato necessario procedere alla selezione di un numero non superiore a sei imbarcazioni per ognuna delle Gsa interessate, da individuare tra quelle in possesso di regolare autorizzazione di pesca del novellame di sardina rilasciata dal ministero durante le ultime stagioni di pesca, prima dell’entrata in vigore del regolamento Mediterraneo (Reg (Ce) n. 1967/2006)».

Il dipartimento Agricoltura precisa inoltre che «nell’avviso di selezione delle barche che avrebbero effettuato volontariamente la sperimentazione erano indicati solo i seguenti criteri: iscrizione nel Registro comunitario, nonché in uno dei Compartimenti marittimi calabresi; iscrizione nell’elenco, tenuto presso la Capitaneria di porto, delle imbarcazioni autorizzate dal ministero alla pesca del novellame di sardina; essere in armamento con regolare licenza di pesca in corso di validità».

«Non figurava, invece – viene specificato –, il requisito della limitazione alla partecipazione delle imbarcazioni al di sotto dei 10 metri, citato erroneamente dal signor Martilotti. Rispetto alle censure avanzate, inoltre, c’è da segnalare ancora come il dipartimento abbia provveduto a pubblicare sul sito istituzionale la graduatoria provvisoria delle imbarcazioni in possesso dei requisiti richiesti».

«Sulla scorta di detta graduatoria – è scritto ancora –, sono risultate ammissibili circa 70 domande sulle 100 presentate. Per la sperimentazione sono state poi incaricate le 12 imbarcazioni (6 per ogni singola Gsa) che hanno ottenuto il punteggio maggiore calcolato sulla base dei criteri oggettivi riportati nell’avviso. Si sottolinea, in proposito, che alcune delle imbarcazioni individuate hanno spontaneamente rinunciato, una volta appreso che il pescato non poteva essere venduto».

«Tra queste anche una – conclude la nota – appartenente a Cooperativa, di cui risulta essere presidente il signor Salvatore Martilotti. Peraltro, si precisa ulteriormente, proprio a ragione del divieto di vendita del pescato il dipartimento ha provveduto, per il tramite del Flag territorialmente competente, a rimborsare le spese delle imbarcazioni partecipanti alla sperimentazione».

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.