2 ore fa:Crati, Cuzzocrea alla Cittadella per parlare del “Piano di gestione del rischio alluvioni”
1 ora fa:Corigliano-Rossano, Cgil richiede incontro per la gara d’appalto sul servizio di igiene ambientale
13 minuti fa:IL CAFFÈ DELL'ECO (Puntata 25) - Tra vaccini e varianti, il territorio e la prova Covid
17 ore fa:«Opportuna la chiusura temporanea di tutte le scuole» secondo l’Unità di crisi regionale
13 minuti fa:La Statale 106 può essere ammodernata con i soldi del Recovery Fund
4 ore fa:Il Castrovillari Calcio ha un nuovo allenatore: Nicola Terranova
16 ore fa:Bruno Bossio (Pd): «Modificare lo statuto del partito e prevedere vice di genere diverso dal segretario»
16 ore fa:Corigliano-Rossano, «per il piano spiaggia, siamo all'anno zero» secondo Lefosse (Azione)
4 ore fa:Sila, presentati i due eventi sportivi in programma nel mese di marzo
2 ore fa:Malvito, realizzano strade abusive nel bosco: denunciati per abusivismo edilizio a danno ambientale

Rapani: «Parlamentari del M5s? Buoni solo a scaldare il banco. SS106 assente nel Recovery plan»

2 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - «Recovery plan, zero euro per la statale 106 sui 209 stanziati. Non c’è che dire, un successone per una delle forze di governo, il Movimento Cinque Stelle che da queste parti ha fatto proseliti. Diciotto parlamentari calabresi, cinque eletti in 15 chilometri, tra Corigliano-Rossano e Paludi, buoni solo, come si diceva ai tempi della scuola, a riscaldare i banchi. O peggio, a fare da servi della gleba e assecondare le esclusive voglie di un governo alla frutta, telecomandati a distanza».

È quanto dichiara Ernesto Rapani, dirigente e componente dell’esecutivo nazionale di Fratelli d’Italia nel commentare le “attenzioni” che il governo Conte ha riversato sulla Calabria e sulla costa jonica, nell’ambito del Recovery plan.

«La Sibaritide, è vero, - continua - ha sempre portato acqua per gli altri, si è sempre spesa per cause altrui e poi puntualmente si è pianta addosso quando piovevano dal cielo scippi di ogni genere e quel depauperamento dei servizi essenziali, inesorabile, lento e continuo. Oggi questo territorio è privo di molti diritti: giustizia, sanità, infrastrutture da Medioevo. Però possiamo vantare ben cinque parlamentari, evento storico che rimarrà una meteora perché fra poco nessuno ricorderà più nomi e volti di chi non ha saputo muovere un dito per nulla: Statale 106, porto, tribunale, servizi».

«Il nulla assoluto, - attacca Rapani - ipotizziamo per volere dei loro padroni e di chi li ha graziati. Anzi, se consideriamo che l’unica cosa che hanno provato a fare è stata quella di mettersi di traverso sulla realizzazione del terzo megalotto, è tutto dire. Oggi, sempre a proposito di statale 106, non sono riusciti, ma forse non ci hanno nemmeno provato considerando le loro capacità politiche, a far capire al Governo quanto sia importante l’infrastrutturazione dell’arco jonico per sottrarlo dal Medioevo a cui è stato relegato».

«Fratelli d’Italia per questo territorio – ricorda Rapani – aveva e ha le idee chiare e le abbiamo proposte: ammodernamento della statale 106, metropolitana di superficie Sibari-Aeroporto di Crotone, sono solo due dei “cavalli di battaglia” delle nostre campagne elettorali che porteremo sul tavolo del prossimo governo grazie a Giorgia Meloni che di uno dei suoi motti, “Prima il sud”, ne fa una filosofia di vita». 

«Questo territorio – prosegue il dirigente di Fdi – ha sempre subito dominazioni storiche e politiche e quando, per grazia ricevuta, ha avuto la possibilità di rialzarsi con le proprie forze, sono mancate le rappresentanze. Della partita sarebbe potuto essere il sindaco di Corigliano-Rossano nelle vesti di presidente della Provincia di Cosenza. Auspicavamo una sua candidatura ed invece anche lui non è stato capace di raccogliere le firme necessarie. Le voci che giungono sul suo appeal territoriale sono drammatiche; vorrebbe ergersi a guida ma è mal digerito da tanti. Stasi ha avuto una grande chance e con nonchalance l’ha gettata alle ortiche. Poteva essere voce, cassa di risonanza, rappresentante di questa terra ed invece si è subito assuefatto alla poltrona smettendo di combattere per i problemi della gente, per i quali si era distinto negli anni precedenti, seppure solo a parole, grazie al talento innato dell’ars oratoria che gli va riconosciuto e alla retorica fine, però, a sé stessa».

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.