16 ore fa:A due passi dal cielo
11 minuti fa:Jazz'Inn 2022, nasce la Carta di Roseto che sarà illustrata nell'open talk di oggi
16 ore fa:Record di pale eoliche in Calabria. Allora perché non siamo energeticamente autonomi?
15 ore fa:Corigliano-Rossano conclude il suo mandato di capitale mondiale della Fisica Nucleare e Subnucleare
41 minuti fa:Elezioni '22, «imprimere un’azione politica unitaria. Auguri agli eletti!»
17 ore fa:Caro biglietti, la proposta: «Non date altri soldi a Trenitalia, dateli ai pendolari»
2 ore fa:Contro il caro bollette il comune di Cassano Jonio corre ai ripari: taglio drastico all'illuminazione pubblica
15 ore fa:Amazon per la Calabria: in vista un progetto di collaborazione che la renderà internazionale
1 ora fa:Caso Trenitalia, «Occhiuto apra un confronto sui trasporti con il centrosinistra»
1 ora fa:Viabilità a Paludi, finanziati 120 mila euro per il ripristino di strade rurali

Restituire a quell'uomo il diritto alla dignità dovrebbe essere un dovere civico... prima di ogni normativa

2 minuti di lettura

Che fosse una bomba sociale e sanitaria che prima o poi sarebbe scoppiata lo sapevamo da tempo, da tre anni circa. Che la deflagrazione avvenisse nei modi e nelle forme in cui, poi, si è mostrata, con un vero e proprio rovesciamento delle priorità, questa – invece – è la vera, grande sorpresa.

La storia della casa-discarica di via Cerasaro credevamo potesse chiudersi nelle trame di una storia con uno sfondo nitido di disagio sociale. Un uomo con evidenti problemi psichici, accompagnato da due cani e una vita vissuta nella solitudine, nell’abbandono sociale e nell’imbarazzo del degrado.

Credevamo potesse essere un’opportunità, una ghiotta opportunità, per gli apparati istituzionali locali di riscrivere la storia di questo concittadino invisibile, restituendogli quel valore che oggi – e soprattutto in questa storia – continua a passare inspiegabilmente in secondo piano: la Dignità.

E invece, quello che più imbarazza, indigna e si stenta a capire, è perché oggi quella dignità umana sia diventata meno importante della "dignità animale".

Non riuscirò mai a comprendere come questa storia sia deflagrata – dicevo – per mettere in salvo due cani e non, invece, per salvare decoro e onorabilità di un essere umano. Non lo riesco a capire. Sarà un mio limite.

È come se, ad un certo punto, ci fossimo preoccupati di più dello stato di salute di quei due cuccioloni e non, invece, del mondo disagiato, inconsapevole, preoccupatemene precario di quell’uomo di mezza età che – a dispetto di tutti – continua a vivere nella spazzatura, nella merda e tra i topi. E oggi nemmeno più in compagnia di quei due cani che erano parte del suo vissuto e che adesso vivono in condizioni sanitarie sicuramente migliori.

Da cittadino mi rifiuto di accettare che le istituzioni, coprendosi dietro la legittimità della norma, possano dormire sonni tranquilli difronte ad una situazione di oggettivo disagio che nuoce innanzitutto a quell’uomo e che di riflesso crea un problema igienico-sanitario ad un intero quartiere. Non basta dire «quell’uomo è capace di intendere e di volere» per trovare il pretesto di non fare nulla. Perché sappiamo tutti essere una scusa per non intervenire.

Sfido chiunque a guardare con occhi normali una persona che vive tra gli escrementi suoi, quelli dei suoi cani e dei topi che spadroneggiano in quel che resta della sua casa. Sfido chiunque a girarsi dall’altra parte davanti ad una persona che, pur nel pieno delle sue funzioni vitali e intellettive (così dicono!), gira per la città con gli stessi vestiti da sempre, sporco (anzi sudicio) e puzzolente.

Questa non è umanità anche se si incastra perfettamente nelle regole della normativa.

“Abbiamo provato ad aiutarlo, gli abbiamo teso una mano… l’ha rifiutata. Perché è capace di intendere e di volere” – dicono!.È una giustificazione del cacchio! La salute – non solo mentale - è un diritto fondamentale costituzionalmente acquisito dai cittadini e in quanto tale diventa dovere (non opzionale) per le istituzioni. Una persona che vive in una discarica domestica non può stare bene fisicamente.

Quell’uomo, lo ripeto, va aiutato. Quell’uomo va tolto innanzitutto psicologicamente dalla sua caverna. A quell’uomo gli va restituita dignità. E di questo deve farsene carico il Comune, insieme a tutti gli attori sociali della città. Perché è semplice, troppo semplice, fregiarsi di tanta civiltà se poi gli invisibili li copriamo di spazzatura così che non si vedano proprio.

Marco Lefosse
Autore: Marco Lefosse

Classe 1982, è schietto, Idealista e padre innamorato. Giornalista pubblicista dal 2011. Appena diciottenne scrive alcuni contributi sulla giovane destra calabrese per Linea e per i settimanali il Borghese e lo Stato. A gennaio del 2004 inizia a muovere i passi nei quotidiani regionali. Collabora con il Quotidiano della Calabria. Nel 2006 accoglie con entusiasmo l’invito dell’allora direttore de La Provincia, Genevieve Makaping, ad entrare nella squadra della redazione ionica. Nel 2008 scrive per Calabria Ora. Nell’aprile 2018 entra a far parte della redazione di LaC come corrispondente per i territori dell’alto Jonio calabrese. Dall’1 giugno del 2020, accoglie con piacere ed entusiasmo l’invito dell’editore di guidare l’Eco Dello Jonio, prestigioso canale di informazione della Sibaritide, con una sfida: rigenerare con nuova linfa ed entusiasmo un prodotto editoriale già di per sé alto e importante, continuando a raccontare il territorio senza filtri e sempre dalla parte della gente.