15 ore fa:Valeria Capalbo riconfermata alla guida della Pro Loco di Corigliano
12 ore fa:Corigliano-Rossano, le opposizioni: «Stasi non è l’amministratore di una srls»
14 ore fa:Non si può vivere di solo turismo
13 ore fa:Grande festa ai Laghi di Sibari per i 20 anni de “Le Notti dello Statere”
13 ore fa:La Vignetta dell'Eco
12 ore fa:Brucia la Valle del Coscile: fiamme minacciano il santuario della Madonna del Castello
15 ore fa:In Calabria quattro lavoratori agricoli su dieci sono irregolari. «Spezziamo il circuito dell'illegalità»
17 ore fa:A Corigliano-Rossano giornata di festa istituzionale: proclamato ufficialmente il Sindaco Flavio Stasi
14 ore fa:Tre giorni di spettacoli ed emozioni per la settima edizione di "Frasso in Festa"
18 ore fa:Cantinella si prepara alla quinta edizione del Beer Fest

Trasporti e Turismo invernale, essenziali per rilanciare l'economia della Sila

2 minuti di lettura

CAMIGLIATELLO SILANO -  Trasporti e Turismo invernale, nella cornice dei monti della Sila, strategia per lo sviluppo del turismo della provincia di Cosenza e della Calabria. Se ne è parlato ai lavori promossi dalla Fit Cisl di Cosenza il 26 e 27 settembre nella location dell’hotel Biafora sull’Altopiano Silano, dopo aver visitato con una delegazione del Presidio Bruzio l’impianto a Fune in località Lorica sulla vetta di monte Botte Donato e dopo aver percorso la tratta Moccone a San Nicola/Silvana Mansio con il “treno della Sila”, locomotiva risalente al 1926.

L’evento si propone di dare rilancio al binomio trasporti-turismo quali asset strategici per rilanciare l’economia di questi luoghi. I lavori sono stati presieduti da Antonio Domanico, Segretario della Fit Cisl di Cosenza e arricchiti dal contributo del Segretario Generale della Fit Cisl Giuseppe Larizza, dal dibattito e dalle conclusioni di Giuseppe Lavia Segretario Generale della Ust Cisl Cosentina.

«Occorre pensare ad una politica comune per turismo e trasporti, per costruire vere opportunità di sviluppo e di occupazione. Il rinnovamento dei servizi di mobilità deve puntare alla connessione tra differenti modalità di trasporto per consentire una migliore accessibilità (strade più scorrevoli e meno percorsi alternativi) al fine di recuperare turisti dalle regioni limitrofe. Dopo anni di limitata operatività dell’impianto sciistico di Lorica e nelle more della revisione di quello di Camigliatello auspicabile per inizio stagione, il settore turistico montano punta a ritornare ai livelli pre-pandemia accogliendo quanti più turisti dalla vicina Sicilia, Campania Puglia e Basilicata. Servono politiche comuni ed un coinvolgimento di tutti gli stakolder per puntare ad un nuovo modello gestionale che integri le strutture e le società di esercizio offrendo vere potenzialità di sviluppo, sia sul piano occupazionale che di crescita economica. Con il “treno della Sila” è possibile offrire un turismo lento, per condurre le persone tra i paesaggi dell’altopiano, ricchi di storia e cultura. In una società frenetica, in Sila si può ancora scegliere con quale modalità viaggiare per riassaporare il gusto del tempo per osservare e apprezzare le bellezze del nostro territorio».

Il dibattito ha fatto emergere, a fronte di tante opportunità, diverse criticità, tra cui l'annosa e irrisolta crisi di Amaco le cui difficoltà impediscono alla città Bruzia di avere un servizio efficiente, compromettendo i diritti dei lavoratori. Pieno sostegno e vicinanza è stata espressa alla protesta dei due lavoratori di Amaco ai quali non è stato rinnovato il contratto.

«Serve ridare alla città un servizio adeguato ed ai lavoratori dignità. Occorre convocare tutti gli attori e il gestore della rete per uscire da questa impasse. Bene invece i giudizi sulle società private di tpl della provincia, il Consorzio conferma solidità e rispetto del Ccnl. Le difficoltà a raggiungere queste aree di montagna e centri importanti, come San Giovanni in Fiore, sono legate viceversa alle necessità di manutenzione della SS107, che palesa anch’essa i suoi limiti di età. Gli interventi sui viadotti ammalorati dall’uso del sale in inverno comportano chiusure lunghe che rendono difficile la mobilità. Serve un cambio radicale, occorre ripensare una nuova viabilità nel contratto di programma tra Regione Anas/Mit che includa anche quest’arteria. Anche il personale di esercizio si assottiglia sempre di più, occorre aggiornare il regolamento di esercizio e servono necessariamente nuovi innesti di personale. Serve, inoltre, maggiore nel settore trasporti, la sicurezza non è un costo ma un investimento per ogni azienda. Chiederemo nei prossimi giorni un incontro al Governo regionale per meglio capire l’evoluzione del settore degli impianti a fune di Lorica e Camigliatello, anche alla luce della scadenza prevista il prossimo 30 settembre della convenzione tra Regione Calabria, Ferrovie della Calabria e Lorica Sky, che rende incerto il destino dei lavoratori di quest’ultima società».

L'iniziativa è stata anche un'occasione per portare avanti la campagna di raccolte firme per la legge di iniziativa popolare sulla Partecipazione, promossa dalla Cisl

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.