4 ore fa:«Il primo a mobilitarsi, l’ultimo a lasciare la protesta». Lenin Montesanto ricorda Angelo Donnici
5 ore fa:La bellezza dell'identità nell'era della fusione: la sfida di SosteniAmo
4 ore fa:Castrovillari, torna il concorso delle "vetrine di Carnevale": la più bella vince un premio
7 ore fa:San Sebastiano, a Crosia la prima festa del protettore degli agenti di Polizia Locale
5 ore fa:La comunità slow food della Dolce di Rossano dona un quintale di olio evo alle suore del sacro cuore
5 ore fa:Tutto pronto per il progetto di Poste Italiane "Polis - Casa dei Servizi digitali": ecco quando
6 ore fa:Nasce l’Assonautica della provincia di Cosenza: sottoscritto lo statuto costitutivo
7 ore fa:Ospedali Co-Ro, Rapani contro il “trasloco” dei reparti: «Serve organizzazione»
7 ore fa:Dipartita di Angelo Donnici: ecco i messaggi di cordoglio in questo momento di dolore
6 ore fa: Randagismo, dal comune un contributo per la sterilizzazione dei cani di proprietà

«Dall’Aletti si spicca il volo verso il lavoro vero». L’Alpitour apre le porte agli allievi dell’Istituto

3 minuti di lettura

TREBISACCE - Il futuro è qui. Oltre le sole progettualità, ben al di là delle parole di rito, l’Istituto “Ezio Aletti” di Trebisacce raccoglie i primi frutti del suo impegno sulle varie progettualità relative pure all’ambito del Pcto - Alternanza Scuola Lavoro - e guarda con ottimismo a ciò che il domani riserva alle sue allieve e ai suoi allievi.

“Costruisci il tuo Futuro con Noi”: ecco l’ambizioso piano di Orientamento in uscita pensato intanto per il Corso di Enogastronomia. Con l’Aletti che mette insieme mondo della Scuola, mondo della Politica e mondo dell’Impresa in una mattinata all’insegna di progetti da realizzare a medio e breve termine.

«Questa è una scuola d’eccellenza»: più di un ospite certifica la bontà delle scelte ad hoc dell’Istituto storico trebisaccese facendo suo questo commento. Quel che più conta, alla fine è un altro l’impegno che maggiormente entusiasma gli studenti presenti: sapere che piccole e grandi Imprese del settore dell’Accoglienza hanno le porte aperte per il lavoro di domani di chi oggi studia. A cominciare da Alpitour.

Nell’Aula Magna dell’Istituto fa gli onori di casa il Dirigente Scolastico, Alfonso Costanza, che snocciola i dati circa le assunzioni dei giovani dopo il Diploma e certifica come la stragrande maggioranza dagli assunti, anche in Calabria, provenga dagli Istituti Professionali. Gli illustri rappresentanti politici della zona presenti accolgono con positività questo dato e augurano il meglio ai giovani dell’Aletti. Così il sindaco di Oriolo, Simona Colotta (accompagnata dal consigliere comunale oriolese, Giorgio Battarino), Paolo Montalti, primo cittadino di Villapiana (presente alla giornata di orientamento in uscita con l’assessore villapianese Rita Portularo), Leonardo Petrone, assessore al Turismo del Comune di Trebisacce (presente con l’assessore ai Lavori Pubblici, Claudio Roseti), il presidente del Consiglio Comunale di Roseto Capo Spulico, Vanessa Franco.

A seguire, la voce del comparto turistico vero e proprio. E c’è spazio per tutte le esperienze “importanti” del settore: dalle eccellenze regionali a quelle nazionali. A spiegare ai ragazzi il senso di ciò che li attende dopo il Diploma è dapprima Giovanni Pesce, direttore del “Minerva” di Sibari, a seguire racconta la sua esperienza di tutor aziendale Raffaele Pallone, personalità di rilievo dell’Accademia delle Tradizioni Enogastronomiche di Calabria.

Ci sta tutto un mondo che attende i diplomati dell’Aletti: lo conferma Maurizio Montecatino, direttore di “Voi Hotel Floriana Resort” del Gruppo Alpitour: «Voi ragazzi di questa scuola siate orgogliosi del vostro Istituto e sappiate che per voi ci saranno sempre le porte aperte nel nostro Gruppo perché siamo consapevoli del vostro valore e delle vostre competenze».

I lavori volgono al termine. Pure alla Regione Calabria spetta il compito di prendere degli impegni per aiutare il comparto turistico e quindi favorire l’occupazione dei giovani odierni. A sobbarcarsi tale onere è l’onorevole Katya Gentile, presidente della Sesta Commissione Regionale. «Noi ci siano e siamo certamente dalla vostra parte – rassicura la stessa onorevole Gentile – Conosciamo bene l’importanza di questa scuola e non faremo mancare il nostro impegno, ogni volta che lo solleciterete, per programmare percorsi adeguati e utili per il futuro dei suoi allievi».

Una mattinata importante, quindi. Impreziosita da una platea di grande rilievo. Tra gli altri, ci sono Mario Varca del “Gruppo Varca”, don Gennaro Giovazzini in rappresentanza della Chiesa zonale, l’imprenditore Pino Sposato, Vincenzo Farina della Confesercenti Calabria, il tenente di vascello Giovanni Benincasa, Angela Massafra dell’Istituto Comprensivo di Amendolara-Oriolo, il tour operator e giornalista Antonio Cavallaro, il presidente onorario della Trebisacce Calcio Antonio Cerchiara e Titti Cardamone, presidente della Pro Loco di Trebisacce. Un parterre de roi che certifica l’ottima organizzazione del Dipartimento professionale dell’Aletti guidato da Pasquale Corbo, coadiuvato con la perizia di sempre da Vincenzo Vuono, responsabile degli Eventi della scuola.

«Siamo orgogliosi di aver registrato una risposta tanto positiva a vantaggio delle nostre progettualità relative al cosiddetto Orientamento in uscita - commenta il Dirigente Scolastico, Alfonso Costanza - Stavolta si è trattato di dare spazio alle sollecitazioni dei ragazzi del Corso di Enogastronomia. E lo abbiamo fatto con presenze e impegni di grande rilievo. Tuttavia, il nostro lavoro in tal senso è globale: riguarda tutti i nostri Indirizzi. Una cosa è certa: dall’Aletti si spicca il volo verso il lavoro vero e le maggiori soddisfazioni possibili. Pertanto è vero: il futuro da noi è di casa».

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.