1 ora fa:Il 12% della popolazione calabrese non ha ricevuto alcuna dose di vaccino
10 minuti fa:La Federazione Sindacale Mondiale proclama il 3 ottobre giornata mondiale della lotta in difesa dei lavoratori
17 ore fa:«I cassanesi hanno premiato la buona politica. Tanta astensione ma risultato storico»
16 ore fa:Invitalia presente al Jazz'Inn 2022 per sostenere chi propone un’idea di impresa
50 minuti fa:Da domani in pagamento le pensioni di ottobre, ecco gli scaglionamenti per evitare affollamenti
1 ora fa:«In arrivo prezzi mai visti» l'allarme dell'Autorità per l'energia sul rincaro bollette
14 ore fa:Canna, per Antonio Turchitto (Fratelli d'Italia) il borgo montano ha "Svoltato a destra"
16 ore fa:A Camigliatello prende il via la Sagra del Fungo: ecco quando
15 ore fa: “Centro storico in festa”, domenica l'appuntamento della settima Stagione concertistica
2 ore fa:Il servizio di assistenza disabili nelle scuole di Corigliano-Rossano partirà lunedì 3 ottobre

Il sindaco di Calopezzati scrive a Occhiuto: «Chiediamo aiuto! Riaprite il Pronto Soccorso di Cariati»

1 minuti di lettura

CALOPEZZATI – Riportiamo di seguito la lettera aperta scritta dal sindaco di Calopezzati, Edoardo Giudiceandrea, e indirizzata al Presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto.

«Chiediamo Aiuto! Mi sento in dovere di rivolgere il mio accorato appello a lei, Presidente Occhiuto, anche come Commissario ad Acta del Dipartimento di Tutela della Salute e Politiche Sanitarie, affinché sia riaperto il Pronto Soccorso dell’Ospedale di Cariati».

«Vivo e opero in una zona, il basso jonio della provincia di Cosenza, - spiega - dove ormai tutte le prestazioni di emergenza-urgenza vengono erogate dall’Ospedale di Corigliano-Rossano. Tale nosocomio deve far fronte alle necessità di una popolazione così vasta da rendere ogni corsa verso quel luogo simile ad una “via crucis” perché si sa a che ora si arriva ma non a che ora si potrà essere curati. E questo avviene non per colpa degli operatori ma per il numero di accessi non commisurato alle possibilità del Pronto Soccorso».

«L’Ospedale di Cariati – continua - fu chiuso, insieme ad altri, per “sanare” il deficit economico della Sanità calabrese. Ebbene, tale deficit non è stato minimamente sanato e l’unico risultato ottenuto è quello di avere ancor più depresso il livello qualitativo del SSN alle nostre latitudini. Basterebbe questo per ritornare su una decisione avventata quanto inefficace. Se consideriamo, poi, che la mancanza di un punto di emergenza-urgenza in Cariati determina per gli abitanti di una serie di comuni interni l’impossibilità di arrivare in un punto di pronto soccorso entro un’ora, allora la decisione è facile da prendere. Ed a questo si aggiunga la difficoltà legata all’affollamento “naturale” del Pronto Soccorso di Corigliano-Rossano».

«Presidente, per questi motivi che riguardano la salute e la dignità delle persone, le chiedo di impegnarsi strenuamente affinché Cariati torni ad avere un Pronto Soccorso attrezzato per l’emergenza-urgenza e, di conseguenza, il Vittorio Cosentino possa essere reinserito nella rete ospedaliera per acuti. Inoltre, la invito cortesemente a visitare di persona la struttura che ha una superficie di circa 13000 metri quadrati, in gran parte ammodernata immediatamente prima della sua chiusura e mantenuta in perfetto stato, utilizzata al 20% appena» conclude.

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.