5 ore fa:Straface sarà sia consigliere comunale a Co-Ro che consigliere regionale
1 ora fa:Post voto. Ad Acquaformosa volano le poltrone dai balconi del Comune ma la neo sindaca smentisce
3 ore fa:A Corigliano-Rossano arriva Roberto Emanuelli
6 ore fa:Cassano Jonio, al via i lavori di messa in sicurezza di località Grotta della Rena
4 ore fa:Cassano, Guerrieri: «Lavoriamo a una lista di partito per le prossime elezioni comunali del 2025»
5 ore fa:Cicogna bianca, nidificazione a rischio per attività di addestramento di cani da caccia
36 minuti fa:Antonello Graziano è il nuovo vicepresidente nazionale di Federsanità
4 ore fa:Zes unica, Coldiretti: «Bene estensione del credito alle imprese agricole che trasformano e commercializzano»
7 ore fa:Elezioni, Tavernise (M5s): «Sul territorio siamo forza concreta »
1 ora fa:Degrado alle Terme di Spezzano Albanese: «Una storia di malagestione che dura da anni»

Rapani contro i 5 stelle: «Fallimento fatto di ipocrisia e incapacità»

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO- «Oggi, le forze del centrodestra stanno riparando ai danni causati in passato dal PD, lo stesso partito con cui ora gli pseudo moralisti del Movimento 5 Stelle collaborano strettamente». Inizia senza giri di parole la nota stampa del senatore di Fratelli d’Italia, Ernesto Rapani. 

«I risultati concreti ottenuti nella Sibaritide grazie all'operato del governo Meloni e del governo Occhiuto sono evidenti a tutti. L'On. Vittoria Baldino, recentemente protagonista di dichiarazioni prive di sostanza, dovrebbe presentare agli elettori un solo risultato tangibile ottenuto dai grillini nel territorio. Questo nonostante nella Sibaritide avessero ben quattro parlamentari, che in una certa fase della scorsa legislatura, avrebbero avuto il potere persino di influenzare e condizionare l’allora Governo Draghi. A conferma di come il loro potere contrattuale sia stato inconcludente e privo di incisività. Un bilancio inquietante e disastroso, di cui solo degli improvvisati possono essere responsabili».

Rapani continua con l’attacco rivolto all’esponente pentastellato: «Farebbe bene a tacere l'Onorevole Baldino, che insieme a quattro parlamentari del territorio, un numero mai visto nella Sibaritide, ebbero modo di distinguersi per non aver prodotto nulla se non qualche risultato a titolo personale sotto gli occhi di tutti alla faccia del moralismo di facciata tanto sbandierato. La parlamentare richiama una serie di questioni e cita la riapertura dell’ex tribunale di Rossano, dimenticando che la Baldino e i suoi colleghi non hanno speso una parola sulle bugie proferite a riguardo, preferendo mantenere un profilo basso. Chissà, forse per non toccare qualche equilibrio. Questa è l'ennesima dimostrazione della loro ipocrisia e incapacità di affrontare le vere problematiche del territorio. Non vi è un solo progetto concreto, una singola iniziativa tangibile  della parlamentare in questione che riporti la sua firma durante il periodo in cui è stata parlamentare di maggioranza a sostegno dei suoi governi».

Infine, Rapani ha ricordato come i grillini, a suo dire, fossero abituati a gestire commissariamenti in sanità, nominati non per meriti ma per pagare cambiali elettorali. «Questo valzer di commissari ha portato la Calabria a essere conosciuta negativamente in tutto il mondo, a causa di dimenticanze, incompetenza e confusione. Il Senatore ha poi puntato il dito su un episodio emblematico: durante l'approvazione della finanziaria del 2023, la Baldino non ha approvato un documento che prevedeva un finanziamento di 3 miliardi di euro per la SS 106. Il giorno successivo, ha interrogato il ministro per chiedere che fine avessero fatto gli ipotetici 500 milioni, dimostrando di non rendersi conto che i 3 miliardi equivalgono a 6 volte quella cifra.   Questo è il livello di una classe dirigente che ha ingannato i suoi elettori, predicando una cultura di moralismo per gli altri, ma perseguendo interessi personali all'interno della propria delegazione».

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.