46 minuti fa:Bomba d'acqua a Schiavonea, Straface: «Allagata per assenza di manutenzione e prevenzione»
3 ore fa:Nicola Lagioia è un nuovo giurato del Premio Sila '49
3 ore fa:Branduardi a Corigliano-Rossano per l'unica tappa in Calabria
4 ore fa:Promozione turistica e mobilità sostenibile in Sila
16 minuti fa:Treno shuttle Sibari-Crotone, c'è anche Papasso che rilancia: «Potenziare anche Sibari-Taranto»
4 ore fa:Castrovillari, domani si parte con la XIX edizione “Suoni Festival"
2 ore fa:Ecco il cartellone degli eventi estivi a Morano
1 ora fa:Rapani e Liris (FdI) presentano una "tassa fissa" per rivitalizzare il settore ambulante
2 ore fa:La Calabria nella Giunta Esecutiva nazionale di FederCasa: Riconfermata Grazia Maria Carmela Iannini
1 ora fa:Cosenza-Sibari, la galleria incompiuta di Cozzo Castello e il mistero in Provincia

Il fenomeno Stasi, un sindaco senza alcun compromesso: si ama o si disprezza

3 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO – Stasi, il fenomeno Stasi, quello che ha ribaltato (nel bene e nel male) tutte le liturgie politiche e amministrative di Corigliano-Rossano, si apprezza o si disprezza; si accetta o si rifiuta; si odia o si ama. E sono questi i contrasti che sono venuti fuori mettendo a confronto due osservatori attenti della vita politica della città, due protagonisti, che partendo da una matrice ideologica simile, quella del centro-sinistra democratico, nel guardare, appunto, questo fenomeno ne hanno dato una chiave di lettura diametralmente opposta. Tutto questo, partendo da un partito iper-eterogeneo come il PD che in città ha mille rivoli, mille sfaccettature, infinite posizioni, entusiaste e deluse, e che – probabilmente – è ancora alla ricerca di un’identità.

Da un lato Aldo Zagarese, animatore deluso (anzi, delusissimo della «deriva» del suo ormai ex partito), consigliere provinciale e consigliere comunale, il primo che ebbe il coraggio di costituire il gruppo dem nell’assemblea civica della terza città della Calabria; dall’altro lato – opposto – Maria Salimbeni, vicesindaco di Stasi, vicinissima ai democrat, tanto da esserne – secondo alcuni – motivatrice e regista esterna in questa particolare fase civica. Entrambi, però, non più tesserati.

Cosa ne pensano di Stasi? Cosa pensano di quella figura politica che incarna uno stile, un “modus governandi” sfacciato, anticonformista e fuori da ogni liturgia? Glielo abbiamo chiesto durante l’ultima puntata dell’Eco in Diretta (rivedila qui).

Viviamo un periodo incredibile, flagellato dalla crisi economica, dalle guerre e da una costante mancanza di visione. La crisi delle ideologie, probabilmente, è ai massimi storici. Ed è qui che si incunea chi, invece, è cresciuto a pane è dottrina, capace di dare una guida. E forse questa è anche una fortuna in un momento storico che sembra non dare punti di riferimento. Ne è convinta Maria Salimbeni. «Viviamo un periodo cupo – dice – che produce solo scorribande di confronti sui social ma senza alcun costrutto. E in questo ambiente è difficilissimo governare».

«È una chiave di lettura totalmente pessimistica – ribatte Zagarese – e senza prospettiva». La colpa? «Di un’Amministrazione comunale che ha totalmente assopito, anestetizzato, il dibattito politico. Non si parla più di politica ma si parla solo di Stasi». Ogni confronto, insomma, ruota attorno alla “figura mitologica” del sindaco. «Come se fosse – sottolinea – il termometro della situazione politica locale»

Insomma, un uomo solo al comando: per uno è quasi un bene («considerato il momento»); per l’altro, invece, è «un vero e proprio dramma».

La partecipazione attiva: dai cittadini ai consiglieri

Stasi si è isolato o è stato lasciato solo nella gestione dei processi democratici? Salimbeni non ha dubbi sulla bravura del suo sindaco a confrontarsi con la gente. «Ha una capacità non comune – dice – di entrare in contatto con la gente». È verissimo. Ed è questo che gli consente, probabilmente, di bypassare (non nelle formalità di rito, ovviamente) anche l’organo democratico assoluto del Consiglio comunale. «La partecipazione diretta e indiretta – sottolinea ancora Salimbeni – è importante. Così come è importante e difficile il ruolo del Consigliere comunale che implica, però, una partecipazione attiva personale». Una bordata diretta e senza pretese rivolta a Zagarese e all’opposizione che, forse, ha un po’ mollato la presa.

«Credo sia più difficile il ruolo di chi amministra, rispetto alla figura del “semplice” consigliere comunale» replica subito Zagarese. Che poi mette il dito nella piaga evidenziando e stigmatizzando la totale assenza degli amministratori nel tessuto sociale cittadino e nei grandi temi della città. «Amministrare una città come Corigliano-Rossano – puntualizza l’ex capogruppo del Partito Democratico – non significa solo farsi vedere, dimostrare o garantire la presenza attiva degli amministratori in determinati luoghi. Al contrario, penso che ci debba essere una visione molto più ampia rispetto ai 50 metri di asfalto posato in un quartiere o in una contrada».

Insomma, il sole e la luna; l’acqua e il fuoco; il bianco e il nero. La chiave di lettura, finale, che diamo a questo confronto – a nostro avviso - è una: tutti, ostili e favorevoli, si tengono a debita distanza dall’uomo politico Stasi. C’è chi lo incensa, come il vicesindaco Salimbeni, dandogli, però, ancora più centralità e solitudine; c’è chi come Zagarese lo avversa. E questo per una ragione: nessuno ancora sa, percepisce o conosce il futuro di Stasi, vincerà di nuovo o sarà sconfitto? Lo diranno le urne nella prossima primavera. Nel frattempo si mantengono distanze, che pur essendo più o meno ossequiose… sempre distanze sono!

Marco Lefosse
Autore: Marco Lefosse

Classe 1982, è schietto, Idealista e padre innamorato. Giornalista pubblicista dal 2011. Appena diciottenne scrive alcuni contributi sulla giovane destra calabrese per Linea e per i settimanali il Borghese e lo Stato. A gennaio del 2004 inizia a muovere i passi nei quotidiani regionali. Collabora con il Quotidiano della Calabria. Nel 2006 accoglie con entusiasmo l’invito dell’allora direttore de La Provincia, Genevieve Makaping, ad entrare nella squadra della redazione ionica. Nel 2008 scrive per Calabria Ora. Nell’aprile 2018 entra a far parte della redazione di LaC come corrispondente per i territori dell’alto Jonio calabrese. Dall’1 giugno del 2020, accoglie con piacere ed entusiasmo l’invito dell’editore di guidare l’Eco Dello Jonio, prestigioso canale di informazione della Sibaritide, con una sfida: rigenerare con nuova linfa ed entusiasmo un prodotto editoriale già di per sé alto e importante, continuando a raccontare il territorio senza filtri e sempre dalla parte della gente.