3 ore fa:Cassano, da domani in funzione l’autovelox sulla Statale 534
5 ore fa:La Calabria che non legge, la Sibaritide fanalino di coda d'Italia e d'Europa: così si spiegano tante cose
13 minuti fa:«La morte non è mai una soluzione». L’Arcidiocesi di Rossano-Cariati celebra la 45° Giornata per la Vita
5 ore fa:Trebisacce, associazioni e scuole insieme per la più creativa ed estrosa delle ricorrenze: il Carnevale
4 ore fa:Crosia, l'opposizione denuncia: «Dal sindaco Russo vergognoso e inaccettabile attacco a Don Claudio Cipolla»
2 ore fa:La magia della neve sotto il cielo stellato: a Longobucco al via la prima edizione della “Ciaspolata Notturna”
4 ore fa:Mattia Salimbeni nominato presidente dell’assemblea provinciale di Azione
4 ore fa:Francesca, a soli 21 anni, porta la Calabria sulle passerelle dell’Alta Moda
3 ore fa:Pnrr e Sud: Pubblica Amministrazione e caro materiali ne ritardano l'attuazione
2 ore fa:Spezzano Albanese, il comune punta sui lavoratori e stabilizza i precari

«Accelerare il processo di riforma, per un ritorno alle Province storiche»

2 minuti di lettura

COSENZA - Sul ritorno alle Province interviene anche Italia del Meridione.

«Smaltita la sbronza populista – afferma Annalisa Alfano(IdM), Segretaria Provinciale di Cosenza -, per colpa della quale una certa visione pressappochista vedeva i comuni e le Province come carrozzoni da sottoporre a dieta dimagrante, la riforma Delrio inizia a trovare lunanimismo nelle forze politiche che ne chiedono il suo superamento. Da tempo non se ne sentiva parlare, nonostante in passato le Province fossero diventate la fissazione di chi si dichiarava nemico degli sprechi di denaro pubblico e delle poltrone. Nel 2014, infatti, labominio di legge partorita dall'allora governo Renzi aveva dato il colpo di grazia a questi importanti enti intermedi, già di loro in difficoltà, al pari dei comuni, per la scarsità di risorse nelle quali erano costretti a muoversi per via del clima austero che si riversava verso quegli enti che meno pesavano sulla spesa pubblica: vennero così privati di competenze, strutture, personale e senza che i componenti fossero eletti a suffragio universale».

«Oggi la politica sembra fare retromarcia, almeno sul versante Province, e di questo me ne compiaccio perché il ritorno alle Province storiche, unitamente al rafforzamento del ruolo delle Autonomie Locali, è, da sempre, uno dei cavalli di battaglia de LItalia del Meridione. Seppur resta lamarezza di constatare come la politica, che dovrebbe guidare i processi di riforma, spesso sia preda dei chiari di luna. Lo svuotamento delle Province, infatti, sembrava la panacea di tutti i mali per i conti dello Stato e invece oggi, dall'inizio del governo Meloni, sono già stati depositati i disegni di legge di Fratelli d'Italia, Forza Italia, Lega, Partito Democratico, ai quali stanno per aggiungersi quelli del Movimento 5 Stelle e di Italia Viva. Verrebbe da dire: meglio tardi che mai!»

«In questi anni LItalia del Meridione è stata tra le poche forze politiche ad affrontare questa tematica, attraverso una serie di iniziative sui territori, in piazze e nelle istituzioni, per dimostrare, numeri alla mano, i danni prodotti al sistema delle Autonomie Locali dalla riforma Delrio. Dopo la riforma, infatti, sono state diverse le problematiche da affrontare. Oggi non si vota più per gli organi provinciali in quanto sono i consiglieri comunali e i sindaci ad eleggere il Consiglio Provinciale e, ogni quattro anni, scelgono il Presidente della Provincia. La stessa cosa vale per le città metropolitane, con l'unica differenza che il Sindaco Metropolitano è di diritto quello del comune capoluogo. Anche in termini di servizi, di fatto, alle Province sono rimaste tre competenze e anche parziali: scuola, viabilità e parte dell'ambiente, con ricadute nefaste per le periferie ed i comuni distanti dalle città. Infatti, secondo i numeri dell'Ufficio valutazione impatto del Senato, alle ex Province sono rimaste in gestione circa 130mila chilometri di strade e 30mila tra ponti, viadotti e gallerie, in molti casi collocate in aree montane, dove spesso non esistono collegamenti alternativi. Vi è poi l'edilizia scolastica, che vede un progressivo calo di iscrizioni per il fenomeno dello spopolamento che caratterizza sempre più i piccoli comuni per la carenza di servizi».

«In sintesi, sono tre i vulnus da colmare: 1. l'elezione indiretta del presidente e del consiglio provinciale; 2. l'incertezza del quadro finanziario in cui operano; 3. la difficoltà di riordinare le funzioni di area vasta nel nuovo sistema. Dunque, in linea con quanto predicato finoggi, come IdM auspichiamo unaccelerazione del Governo affinché si approvi una riforma istituzionale che preveda il ritorno allelezione diretta del Presidente della Provincia, la reintroduzione della Giunta provinciale e la riassegnazione delle funzioni che esercitavano le Province prima dellintroduzione della legge Delrio, per rilanciare e rafforzare il tema e il ruolo delle Autonomie Locali, uno snodo importante anche per il rilancio del Mezzogiorno».

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.