1 ora fa:Co-Ro, finanziamento da oltre 1milione di euro per l’asilo nido comunale di via Maradea
2 ore fa:Noi, Voi, e il linfonodo
23 minuti fa:La presenza dei Salesiani in città, 29 anni di attività formativa ed educativa non solo per i giovani
23 minuti fa:Auser Corigliano collabora con le scuole del territorio per dar vita al Bosco Urbano
53 minuti fa:Strategie elettorali: dalla mossa del cavallo a quella del Re
5 ore fa:Dalla paura alla nascita di una nuova vita: l’ospedale Annunziata di Cosenza salva una giovane mamma e il suo piccolo
1 ora fa:Niente voli diretti Crotone-Roma. «Una situazione imbarazzante che dovrebbe far riflettere»
2 ore fa:“Diventa anche tu volontario”, un nuovo corso della Croce Rossa a Co-Ro
1 ora fa:All’Istituto “Palma” di Co-Ro riflessione sulla Shoah attraverso l’arte
5 ore fa:In Calabria i lavoratori stranieri sono oltre 19mila

«Il Governo sia chiaro sugli stanziamenti per la Statale 106. La Calabria merita serietà e rispetto»

1 minuti di lettura

ROMA – «Quanti soldi ci sono nella manovra di bilancio, per quanti anni, per fare cosa e in quanto tempo? Il Governo sulla statale 106 parli un linguaggio di chiarezza e di verità, perché la Calabria merita attenzione, serietà e soprattutto rispetto».

Sono queste le parole conclusive dell'interpellanza, a prima firma Vittoria Baldino, vicecapogruppo del M5S alla Camera, con oggetto la statale 106, discussa nella mattinata di oggi alla Camera dei Deputati.

«È il giorno della verità per i calabresi che attendono di conoscere il destino di un'opera che è entrata nei loro destini – rimarca Baldino in apertura di intervento. La statale 106 è più una mulattiera che una statale. Dei 415 km, ricadenti in Calabria, solo il 16% risulta ammodernato, mentre il 47% risulta da ammodernare, con progettazione in corso, il 27% da ammodernare, con progettazione da avviare, e solo il 10% di lavori in corso. È un'arteria strategica per il sud che mette in comunicazione due capoluoghi, numerosi comuni costieri, l'unica possibile che consente ai comuni dell'hinterland delle grandi cittadine calabresi di raggiungere, accedendo a servizi pubblici essenziali, ospedali, scuole, stazioni, aeroporti. È una strada – va avanti Baldino – che miete 30 morti l'anno, uno ogni 15 giorni».

Nel ripercorrere la storia decennale sull'ammodernamento, ricordando il lavoro del M5S negli ultimi 4 anni per una strada a 4 corsie, la stoccata al Governo targato centrodestra per i 7 miliardi sottratti in passato «la politica ha un debito enorme verso la Calabria e i calabresi – ricorda, infatti Baldino – un debito che ora è chiamato a sanare con i fatti e non con le promesse o le note stampa».

A rispondere per il Governo, il sottosegretario alla cultura Gianmarco Mazzi, che conferma senza, però, fornire ulteriori dettagli, nella manovra di bilancio i 3 miliardi indicati nel DEF 2022.

«Al vaglio nuovi strumenti normativi finanziari per prevedere interventi risolutivi e stanziamenti chiari e spalmabili su più anni», annuncia il sottosegretario alla cultura. Ulteriori risorse, avvisa il Governo, potranno essere assicurate in concomitanza con la definizione dei progetti attualmente in fase di sviluppo. Confermata, poi, la visita di Salvini a Bruxelles.

«Sarà occasione – avvisa il sottosegretario Mazzi – per aprire un confronto sulla strategicità dell'opera e per la sua inclusione nella rete Ten – T per accedere alle opportunità di finanziamento europeo».

Secca la replica. «Speriamo che a Bruxelles non si parli solo di ponte sullo Stretto – rilancia Baldino. Sarò soddisfatta quando avrò modo di leggere nero su bianco nella legge di bilancio i 3 miliardi indicati nel Def 2022, e i dettagli degli stanziamenti che ad oggi mancano».

«Completare le opere infrastrutturali, a partire dal completamento della statale 106, farebbe segnare in Calabria una vera e propria rivoluzione economica, sociale e culturale. Rilevanti sarebbero le ricadute sul Pil», conclude Baldino

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.