7:38 pm:Presidenza provincia: lettera aperta dei Sindaci dello Ionio cosentino
2:01 pm:Corigliano-Rossano: Stasi sospende le lezioni in presenza fino al 25 gennaio
8:01 pm:«Rinunciamo ad essere una colonia d’Italia e d’Europa. Rivendichiamo i nostri diritti»
8:05 pm:Crosia, da domani tornano a scuola elementari e medie. La lettera del Sindaco Russo
3:01 pm:Corigliano-Rossano: nuovo arresto per spaccio da parte della Polizia
11:01 am:Ma domani si ritorna a scuola oppure no? Il dubbio amletico che aleggia su Corigliano-Rossano
10:31 am:Agricoltura, comuni della fascia ionica chiedono la dichiarazione dello stato di emergenza
12:00 pm:IL ROTOCALCO DELL'ECO - Una settimana di notizie in pillole
8:01 pm:Corigliano-Rossano, sanità al tracollo e «la colpa è tutta del sindaco e del direttore sanitario dello spoke»
1:01 pm:Nuovi positivi in Calabria: l'indice dei positivi torna a sfiorare quota 20% - TUTTI I NUMERI DEL CONTAGIO

Pasqualina Straface: «Riqualificare le aree urbane, cominciando dalle zone di mare»

2 minuti di lettura

Corigliano-Rossano rappresenta, oltreché un agglomerato urbano, un importante centro che, per estensione territoriale, non ha nulla a che invidiare alle più blasonate città italiane. Un territorio che, per dono di natura, è sorto fra il mare e la montagna, e si è sviluppato attraverso i suoi suggestivi centri storici, circondandosi di verdi e lussureggianti campagne. 

 

 «Da un punto di vista amministrativo - rileva Pasqualina Straface - tutto ciò costituisce una preziosa risorsa, tanto che sarebbe più che doveroso offrirgli una pianificazione territoriale lungimirante e tesa allo sviluppo. Nelle aree marine, in particolare, come nel caso di Schiavonea, che da sola potrebbe rappresentare una vera e propria cittadina, posto che ha tutti i requisiti per essere centro indipendente, purtroppo, la situazione è difficile per problemi di ordine strutturale».

 

Il leader del Movimento del territorio passa in rassegna l’ambizione che dovrebbe avere la terza città della Calabria: «Partiamo da un presupposto: una pianificazione urbanistica seria ed analitica impone, ancor prima di erigere palazzi e palazzine, che siano realizzate le sottostrutture e i servizi. Qui tutto ciò non è accaduto, o è accaduto solo in parte! Del resto sono più che evidenti i disagi che sorgono quando capita un temporale: il lungomare diventa un acquitrino di strade allagate, impercorribili e sdrucciolevoli. E questa non è che solo una delle tante criticità che il borgo marinaro è costretto a subire. La rete fognaria, soprattutto in estate, produce delle nauseanti esalazioni proprio a ridosso dei punti nevralgici della circolazione pedonale. Infine, un problema atavico e mal sopportabile è da rinvenire nella mancanza d’acqua, o nell’odore sulfureo che questa presenta in alcuni quartieri di Schiavonea. Questi sono alcuni dei tanti punti di criticità che la frazione marinara della località Corigliano è costretta a vivere. Ma ad oggi v’è di più.

Il problema degli ultimi tempi riguarda l’illuminazione pubblica, e conseguentemente, il buio che imperversa in diversi quartieri, finanche dello scalo cittadino».

 

La speranza della Straface è che tale disservizio sia solo provvisorio: «Il nostro borgo marinaro, fiore all’occhiello della nostra cara città, e anche volano del turismo locale e dell’intero comprensorio, dovrebbe ricevere, al più presto, una serie di interventi qualificanti. Crediamo che occorra parlare di turismo quanto più possibile destagionalizzato, visto il clima mite che abbraccia quasi sette mesi. E tutto questo deve comportare l’attenta predisposizione di un piano di rilancio urbano prima ancora che turistico, dove al centro degli interessi è messo il cittadino residente e poi il turista utente. A cominciare dai servizi essenziali, dalla viabilità, dalla pulizia, alla lotta all’inciviltà e alla deturpazione, per finire alla progettazione stagionale e degli eventi. Questo piano di rilancio, proprio perché è diretto ad un’area che beneficia di una forte presenza turistica, deve essere necessariamente redatto con l’apporto di tutti gli operatori del settore alberghiero, turistico e commerciale. La piena e concreta sinergia di questi, insieme all’ideazione di forme innovative di attrazione sociale, magari mutuate da qualche località turistica più evoluta, potrebbe dare a Schiavonea un’immagine sensibilmente migliore di quella che ha tutt’oggi. Schiavonea è per noi un luogo importante. Anzi vitale. Rappresenta, insieme all’agricoltura, la forza economica dell’intera città. Un luogo che, centro storico e montagna a parte, si presenta come la punta di diamante delle bellezze cittadine».        

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.