18 ore fa:La Vignetta dell'Eco
17 ore fa:Giuseppe Pallone su Rai 2 sarà protagonista della Performer Cup
3 ore fa:Odissea 2000, 30 anni di identità turistica. Montesanto: « Un modello a cui ispirarsi»
28 minuti fa:Ritorna Autori d'(A)mare: domenica 23 giugno arriva Serena Bortone
1 ora fa:Viaggio tra i Feudi della Sila Greca - Il Feudo di Cariati: dai Borgia agli Spinelli
21 ore fa:Cariati, in arrivo 576 mila euro per l'asilo nido: garantiti ulteriori 24 posti
19 ore fa:Campana, presto verrà rifatta parte della rete idrica comunale
19 ore fa:Ora bisogna aprire una vertenza generazionale
20 ore fa:Scatta la mobilitazione di Coldiretti Calabria: «Basta cinghiali e fauna selvatica»
2 ore fa:Cosa si dice nella Calabria del nord-est: una settimana di notizie

Sabato 23 e domenica 24 marzo tornano le Giornate Fai di Primavera

8 minuti di lettura

CATANZARO - Sabato 23 e domenica 24 marzo tornano le Giornate FAI di Primavera, il più importante evento di piazza dedicato al patrimonio culturale e paesaggistico del nostro Paese: 750 luoghi in 400 città saranno visitabili a contributo libero, grazie ai volontari di 350 delegazioni e Gruppi Fai attivi in tutte le regioni (elenco dei luoghi e modalità di partecipazione, consultabili su www.giornatefai.it).

Le Giornate Fai di Primavera si confermano nella loro trentaduesima edizione uno degli eventi più importanti e significativi per conoscere il patrimonio culturale e paesaggistico italiano. Un’esclusiva opportunità di scoprire un’Italia meno nota, di luoghi solitamente inaccessibili, dalle grandi città ai borghi, da veri e propri monumenti a luoghi curiosi e inediti, che tuttavia ugualmente raccontano la cultura millenaria, ricchissima e multiforme del nostro Paese.

Un modo per contribuire alla tutela e alla valorizzazione di questo patrimonio, che va innanzitutto conosciuto, frequentato, e prima ancora, raccontato. È questa la missione del Fai: “curare il patrimonio raccontandolo”, a cominciare dai suoi 72 Beni aperti
al pubblico durante l’anno, ma ampliando e arricchendo questo racconto proprio in occasione delle Giornate Fai di Primavera, quando 750 luoghi saranno aperti in tutta Italia grazie a migliaia di delegati e volontari del Fai e agli Apprendisti Ciceroni, giovani studenti appositamente formati per raccontare le meraviglie del loro territorio. 

Le Giornate del Fai offrono un racconto unico e originale dei beni culturali italiani, che risiede
nella loro Storia intrecciata con la Natura, nei monumenti e nei paesaggi, nel patrimonio materiale e immateriale, e nelle tante storie che questi possono raccontare, che insegnano, ispirano e talvolta anche commuovono. Un racconto corale e concreto che si fonda sulla partecipazione di centinaia di istituzioni, associazioni, enti pubblici e privati che in numero sempre maggiore vi collaborano grazie a una vasta e capillare rete territoriale con un unico obiettivo: conoscere e riconoscere il valore del patrimonio italiano per tutelarlo con il contributo di tutti, perché appartiene a tutti.

Le parole del Presidente del Fondo per l’Ambiente Italiano Marco Magnifico in occasione della XXXII edizione delle Giornate FAI di Primavera: «Raccontare il patrimonio culturale per educare la collettività a proteggerlo e a prendersene cura: da questa necessità nacquero nel 1992 le Giornate FAI di Primavera dando vita, e poi corpo, e poi forza ad una impressionante struttura di volontariato - le Delegazioni del FAI -, che con entusiasmo e pervicacia eccezionali in questi trentadue anni hanno aperto al pubblico 15.540 luoghi dimenticati
o difficilmente visitabili raccontandoli, appunto, con semplicità e passione a ben 12 milioni e 515.000 di cittadini. Ai benefici di questo raccontare se ne è ora aggiunto un altro: quello della fisicità e del ruolo che essa ha per un vero apprendimento. A coloro che decideranno di partecipare verrà suggerito un contributo libero a partire da 3€ utile a sostenere la missione di cura e tutela del patrimonio culturale italiano della Fondazione. Gli iscritti al FAI o chi si iscriverà per la prima volta durante l’evento potranno beneficiare dell’accesso prioritario in tutti i luoghi, e di aperture e visite straordinarie in molte città e altre agevolazioni e
iniziative speciali. Inoltre, fino al 31 marzo 2024 si potrà sostenere la missione del Fai donando con un SMS o una chiamata da rete fissa al numero 45584. Il valore della donazione sarà di 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulari WINDTRE, TIM, Vodafone, iliad, PosteMobile, Coop Voce, Tiscali. Sarà di 5 o 10 euro per le chiamate da
rete fissa TIM, Vodafone, WINDTRE, Fastweb, Tiscali, Geny Communications e, sempre per la rete fissa, di 5 euro da TWT, Convergenze, PosteMobile».

Ecco le aperture e gli itinerari proposti in Calabria: 

Numerose le aperture e gli itinerari previsti dal Fai in Calabria per la valorizzazione e conoscenza del territorio caratterizzato da un sorprendente patrimonio ambientale, culturale, storico ed artistico. Queste le proposte dei volontari del Fondo Ambiente Italiano per le Giornate FAI di Primavera 2024:


RENDE (CS)
a cura della Delegazione FAI di Cosenza; Orto Botanico Unical e la scienza applicata alla natura; Visite sabato 23 marzo, dalle ore 10:30 alle 17:30, domenica 24 marzo, dalle ore 10:30 alle 17:30

L'Università della Calabria è il più grande ateneo della regione ed ospita il primo e più esteso Campus in Italia, realizzato in un suggestivo scenario paesaggistico lungo la valle del Crati. Offre una vasta gamma di corsi accademici e vanta la presenza di strutture moderne con laboratori avanzati, promuovendo un ambiente accademico stimolante per
ricercatori e studenti. La visita prevede un percorso nella scienza, realizzato nello scenario delle bellezze naturali dell'Orto Botanico, con la sua biodiversità, le essenze caratteristiche, i boschi suggestivi, e include postazioni didattiche dedicate a minerali, geologia, bonsai, natura e uomo, laboratorio di restauro. 
Unical: dai primi passi alla scienza del futuro Visite riservate ai soli iscritti FAI, sabato 23 marzo, dalle ore 10:30 alle 17:30, domenica 24 marzo, dalle ore 10:30 alle 17:30
Coniugando il concetto di cultura e patrimonio esteso a tutti i campi del sapere, incluso anche quello tecnico-scientifico, la visita ripercorrerà la storia dell'Università della Calabria, illustrandone il caratteristico progetto architettonico. Si proseguirà al LIU -Laboratorio di Idraulica e Idrologia Urbana per conoscere i più recenti studi sullo sfruttamento delle
acque meteoriche; per poi passare al tour nell'infrastruttura di interesse nazionale Southern Europe Thomson BackScattering Source for Applied Research (S.T.A.R.), che offre servizi d'indagine scientifica avanzata grazie alla possibilità di acquisire immagini tridimensionali ad altissima risoluzione.

SANTA CATERINA DELLO IONIO (CZ) a cura della Delegazione FAI di Catanzaro; Ecocentrismo tra palmenti, catoji e somarelli; Visite sabato 23 marzo dalle ore 09:00 alle 12:30 e dalle 15:30 alle 17:00, domenica 24 marzo dalle ore 09:00
alle 12:30 e dalle 15:30 alle 17:00

Nel paesaggio di Santa Caterina dello Ionio si possono ancora leggere le tracce di modi e forme di abitare ingegnosi, scaturiti dalla necessità di venire a patti con un ambiente ricco ma tutt'altro che facile. In questo territorio, attraverso il quale avrà luogo una suggestiva passeggiata naturalistica, le tracce si addensano intorno a manufatti semplici: pozzi,
grotte, palmenti rupestri, macchine idrauliche, case coloniche, muretti a secco e terrazzamenti, che rendono il paesaggio rurale straordinariamente ricco e evocativo. Si cercherà di mostrare un modello di sviluppo eco centrato che non si riferisce solo al passato ma guarda anche al futuro. 

‘Mamma li turchi’; Visite riservate ai soli iscritti FAI, sabato 23 marzo dalle 15:30 alle 16:30, domenica 24 marzo dalle ore 09:30 alle 11:00;

Malgrado le inevitabili manipolazioni che ha subito, la Torre Sant’Antonio mantiene integra la sua struttura originaria e tutto il suo fascino. Durante la visita si potrà salire sul terrazzo dei merli e dominare con lo sguardo il panorama mozzafiato, che comprende da un lato il golfo di Squillace e dall’altro il borgo arroccato di Santa Caterina, difatti i due luoghi ancora comunicano, cosa eccezionale per le trasformazioni che nel tempo subisce il territorio. Tra le iniziative previste la più coinvolgente è senza dubbio la rievocazione storica dell'attacco dei pirati con l'arrivo di cavalieri in costume, segnali di fumo, suoni di campanacci e campane.

CUTRO (KR) a cura della Delegazione FAI di Santa Severina e del Marchesato; Villa Margherita e il suo parco; Visite sabato 23 marzo, dalle ore 09:30 alle 12:30 e dalle 14:00 alle 16:30, domenica 24 marzo, dalle ore 09:00; alle 12:30 e dalle 14:00 alle 16:30

Immersa in un rigoglioso parco di notevole valore naturalistico e paesaggistico, situato in località Sant'Anna - tra il comune di Cutro e quello di Isola Capo Rizzuto - Villa Margherita è una viva testimone della storia del latifondo calabrese. Edificata dai Barracco nel XIX sec., che la resero un piccolo paradiso, venne espropriata dopo la riforma
agraria intorno agli anni ’50 del Novecento e data in gestione all'ESAC, ora ARSAC, ente di eccellenza regionale che ospita qui attualmente alcuni suoi uffici. La visita parte dal viale del parco che conduce alla villa con la narrazione di alcune particolarità del giardino e della dimora storica, e prosegue con il tour degli spazi interni, soffermandosi sulla terrazza per godere della suggestiva vista.

MAMMOLA (RC) a cura della Delegazione FAI della Locride e della Piana; Mammola: santità e arte, architettura e gastronomia; Visite venerdì 22 marzo dalle ore 09:00 alle 12:30, sabato 23 marzo, dalle ore 09:00 alle 12:30, domenica 24 marzo, dalle ore 10:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 17:00

Il percorso evidenzia le caratteristiche insediative, storiche, architettoniche, artistiche di Mammola e le sue risorse gastronomiche identitarie. Partendo dall'Abbazia di S. Nicodemo, già Grangia di S. Biagio, si proseguirà attraversando il cuore del borgo, tra vicoletti e strade che seguono le curve di livello naturali fino alla chiesa Matrice, passando per
numerosi palazzi del patriziato (Del Pozzo, Floccari-Guerrisi, Piccolo, Ferrari, Spina, Florimo), la casa comunale e le chiese del Carmine e di SS. Sebastiano e Filippo.

NICOTERA (VV) a cura della Delegazione FAI di Vibo Valentia; Alla scoperta degli antichi quartieri di Nicotera: Baglio, Giudecca e Palmentieri; Visite sabato 23 marzo, dalle ore 14:30 alle 17:30, domenica 24 marzo dalle ore 10:00 alle 13:00 e dalle 14:30 alle 17:30

Arroccata su una verde collina dell'altopiano del Poro che sporge su uno splendido tratto del Mar Tirreno, la cittadina di Nicotera rappresenta oggi uno dei centri turistici più apprezzati della provincia di Vibo Valentia. La visita verterà alla scoperta dei tre quartieri più interessanti del centro storico: il Baglio, la Giudecca e Palmentieri. Si potranno ammirare gli antichi palazzi, i portoni incastonati in archi in pietra, le strette scalinate e gli slarghi protetti dai "cafi", i tipici passaggi coperti che conferiscono al tutto una bellezza ancora immutata.
Usi e costumi della civiltà contadina del Poro 

Visite riservate ai soli iscritti FAI, sabato 23 marzo, dalle ore 14:30 alle 17:30, domenica 24 marzo dalle ore 10:00 alle 13:00 e dalle 14:30 alle 17:30 Nella parte alta di Nicotera, in pieno centro storico e presso un'antica struttura conventuale che risale alla fine del XVI
secolo, si trovano non solo gli uffici del Municipio ma anche il Museo della Civiltà contadina e del folklore di Monte Poro. Qui sarà possibile ammirare importanti reperti di grande valenza etnografica, apprendendo tante curiosità sulla civiltà contadina di un passato neanche tanto lontano nel tempo.

VILLA SAN GIOVANNI (RC) a cura della Delegazione FAI di Reggio Calabria;  L’industria e l’arte della seta a Villa San Giovanni Visite sabato 23 marzo dalle ore 10:30 alle 17:30, domenica 24 marzo, dalle ore 10:30 alle 17:30

Terra di filande, conosciuta per le pregiate cure del baco da seta, Villa San Giovanni ospita gli edifici che un tempo furono adibiti alla lavorazione della seta, strutture che caratterizzavano la vita, l’economia e l’armonia del territorio, nonché fulcro di un’imprenditoria tutta al femminile. Eccezionalmente si potranno visitare i resti dell'imponente Filanda Lo Faro e la Filanda Cogliandro, che accoglie al suo interno un piccolo museo della seta fruibile per l’occasione nella
sua totalità.

SPEZZANO DELLA SILA (CS) Bene FAI – I Giganti della Sila; Visite sabato 23 marzo dalle ore 10:00 alle 16:00, domenica 24 marzo, dalle ore 10:00 alle 16:00

Unico nel suo genere, questo maestoso bosco secolare nel centro della Calabria sopravvive intatto da quasi 400 anni all’ombra dei suoi imponenti ‘patriarchi’, che danno origine a un grandioso spettacolo della natura. La riserva biogenetica dei Giganti della Sila, Bene dato in concessione dal Parco Nazionale della Sila al FAI dal 2016, offre sia possibilità di visita libera che a cura del personale FAI. Diverse le iniziative speciali previste per questa occasione, tra
cui il tour approfondito del luogo guidato dalla Direttrice, che ne svelerà aneddoti e curiosità; oppure il trekking intorno ai Giganti che comprende un itinerario esteso e straordinariamente suggestivo, attraverso il quale i partecipanti potranno scoprire le peculiarità naturalistiche e paesaggistiche dell’altopiano silano. Questo sito fa parte dell’Itinerario europeo delle Giornate FAI di Primavera, beneficiando di fondi europei PNRR
- programma protezione e valorizzazione dell’architettura e del paesaggio rurale.

Elenco completo dei luoghi visitabili in Calabria e modalità di partecipazione all’evento su
https://fondoambiente.it/il-fai/grandi-campagne/giornate-fai-di-primavera/i-luoghiaperti/?regione=CALABRIA


IMPORTANTE: Si raccomanda di controllare sul sito i giorni e gli orari di apertura prima della visita, verificare anche eventuali variazioni di programma in caso di condizioni meteo avverse

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.