1 ora fa:A Vaccarizzo è tutto pronto per la 19esima rassegna dei vini Arbëreshë
2 ore fa:In Calabria partono le riprese del film “La versione di Giuda” diretto da Giulio Base
3 ore fa:Il fronte degli incendi si sposta nel Basso Jonio, bruciano i boschi della Sila Greca
7 ore fa:Consorzio Bonifica Calabria: emesso il ruolo irriguo per il 2024 e previste facilitazioni per gli agricoltori
2 ore fa:Via D'Amelio e il valore del ricordo in una nazione che non sa dove andare
6 ore fa:XIX edizione “Suoni Festival” di Castrovillari con Audio2, Grazia Di Michele e i Jalisse
3 ore fa:A Co-Ro un incontro sul tema delle proiezioni criminali nei porti italiani
7 ore fa: Il caso di Maysoon Majidi e Marian Jamali in conferenza stampa alla camera
6 ore fa:A Calopezzati Moccia e Capretti per spettacolo l’abc dell’amore
4 ore fa:«Senz'acqua e fogna a cielo aperto: Schiavonea abbandonata a se stessa»

Il mediometraggio "Rosso Malpelo" verrà presentato al Mumam di Cariati

1 minuti di lettura

CARIATI - La storia di Malpelo, il piccolo minatore siciliano protagonista di una delle novelle più famose di Giovanni Verga, rivive in un adattamento cinematografico realizzato, con la regia di Miriam Crivaro, dall’Associazione di Arte e Spettacolo Nella Ciccopiedi.

«Il film - riporta la nota - sarà presentato il prossimo sabato 16 dicembre alle ore 18.00 presso il Civico Museo del Mare, dell’Agricoltura e delle Migrazioni di Cariati, abbinato a un reading letterario sul lavoro minorile, sia nel contesto certamente più positivo delle nostre società tradizionali, sia nel contesto di sfruttamento ben descritto dal Verga e purtroppo tuttora attuale in molti Paesi, su cui è sempre necessario riflettere. L’evento, promosso dallo stesso Museo nel piano delle attività museali, e inserito nel ricco cartellone di manifestazioni natalizie organizzate dall’Amministrazione Comunale, oltre infatti a presentare il prodotto artistico, vuole  richiamare l’attenzione sulla condizione di tanti bambini e ragazzi del mondo, vittime innocenti di  situazioni di sfruttamento, emarginazione, di rifiuto della diversità, ma anche di guerre e disastri di cui nemmeno conoscono il significato».

«Rosso Malpelo, interpretato da Adriano Composto, è un giovanissimo minatore in una cava di rena; il pregiudizio popolare lo ha condannato all’emarginazione per via del colore rosso dei capelli, cui è attribuito uno stato di essere malvagio, e dell’indicibile povertà che accomunava tanti ragazzi sfruttati nelle miniere di Sicilia. La sua vicenda e il suo dramma, nel film di Miriam Crivaro, è definito dal portale Guamodì Scuola di pedagogia e didattica come un lavoro che “rappresenta in modo fedele i contenuti dell’imprescindibile affresco verista”, qual è la novella di Verga; un film peraltro molto richiesto dalle scuole.  È stato anche premiato nel luglio scorso come migliore Mediometraggio alla 17ma Edizione del prestigioso Festival Internazionale di Cinema “Mendicino Corto”; inoltre, ha ottenuto una menzione speciale alla 10ma Edizione dell’Ausonia Film Festival di Corigliano Rossano, che sarà consegnata all’Associazione Nella Ciccopiedi dal Presidente Fita Antonio D’Amico durante la presentazione al Museo il 16 dicembre».

«Girato interamente a Cariati, con scene e luoghi che per scelte di regia richiamano la vita passata dei nostri paesi, - si legge in conclusione - il lavoro cinematografico dell’Associazione cariatese, ormai con un carnet ricchissimo di spettacoli e realizzazioni, ha nel cast l’attore Samuele Filareti, tra l’altro curatore degli aspetti tecnici e il montaggio, Romualdo Ciccopiedi (nel ruolo di Mastru Misciu), Vittoria Berardi (madre di Malpelo), Douaue Quahadi (la sorella), Massimo Martino (Mommo), Francesco Filareti (l’ingegnere), Giuseppe Lazzarano (Ranocchio)».

Rita Rizzuti
Autore: Rita Rizzuti

Nata nel 1994, laureata in Scienze Filosofiche, ho studiato Editoria e Marketing Digitale. Amo leggere e tutto ciò che riguarda la parola e il linguaggio. Le profonde questioni umane mi affascinano e mi tormentano. Difendo sempre le mie idee.