4 ore fa:Prestazioni fornite e debiti per milioni di euro, al Consorzio di Bonifica scoppia (anche) la grana dei creditori
2 ore fa:Disagi al Punto di primo intervento di Cariati, mancano presidi sanitari e farmaci
4 ore fa:Cresce l'attesa per il Concerto di Natale del Coro polifonico di Corigliano-Rossano
8 ore fa:Extravergine d’oliva calabrese, necessario parlare di piano olivicolo regionale
7 ore fa:"Campo Ferramonti. Storia di una vita" il romanzo autobiografico di Ambrosio
5 ore fa:Sgomberata l'ex chiesa di Sant'Eusebio a Sibari: era stata occupata abusivamente
5 ore fa:Oggi e domani un banchetto della solidarietà nella chiesa Santa Teresa di Rossano
3 ore fa:Laino Borgo, piazza Navarro si trasformerà in un grande salone del vino
6 ore fa:Cosenza avrà l'Alta Velocità, la Sibaritide no: presentato il Piano d'investimenti del gruppo FS
3 ore fa:Calopezzati, il consigliere comunale Kevin Mangone aderisce a FdI

Dal Polo liceale di Rossano a Berna per la ricerca scientifica: l’entusiasmo di Matteo Ioele e Mattia Quadro

2 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - Continua l'avventura dei due studenti vincitori della borsa di studio dell'Excellence Summer Stage 2023: iniziata il 3 luglio Matteo loele e Mattia Quadro del Polo Liceale di Rossano.

Questo ha permesso loro di partecipare ad uno stage di due mesi, presso il Laboratorio di Fisica delle Alte Energie dell'Università di Berna (LHEP). Infatti, sono impegnati nella sperimentazione e ricerca nel campo delle applicazioni della fisica delle particelle alla medicina.

Il progetto nasce grazie all'iniziativa del Distretto Rotary 2102, e da molti Club Rotary calabresi e umbri, con la partnership del Dipartimento di Fisica Nucleare dell'Unical di Cosenza e dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare di Perugia.

A quasi un mese dall'inizio di questa splendida opportunità, i nostri ragazzi insieme ad altri due studenti calabresi: Giorgia ed Emanuele e tre umbri profondamente uniti e affiatati inseriti in gruppi di ricerca, stanno vivendo la realtà e la quotidianità della ricerca scientifica internazionale più avanzata: un'esperienza utilissima per le loro future scelte formative e lavorative.

Periodicamente, Matteo e Mattia redigono il loro diario per informare e condividere con enorme entusiasmo il loro percorso formativo di collaborazione quotidiana di ricerca scientifica presso il Laboratorio di Fisica delle Alte Energie (LHEP) di Berna; sapientemente seguiti dal Prof. Antonio Ereditato, Fisico delle particelle, ricercatore del Cern, attualmente impegnato in ricerche sulla fisica del neutrino al Fermilab di Chicago.

Questo è quanto dichiarato dai ragazzi nel loro recente report: «Dalla fase di programmazione siamo passati a quello dei test dei lavori realizzati. Andranno testati le optoboard singolarmente, in laboratorio, che a rotazione ognuno di noi condurrà nei prossimi giorni perchè siamo in attesa di alcuni componenti provenienti del Cern. Nel frattempo siamo partiti con un secondo progetto, suddivisi sempre in vari gruppi abbiamo ricominciato a lavorare su altri progetti. A noi è stato affidato il progetto dei muoni, particelle presenti in atmosfera. Nello specifico si tratta di utilizzare un rivelatore di queste particelle in modo tale da schedulare i dati raccolti e svolgere diversi esperimenti. Mattia Quadro utilizza il cosmic hunter per verificare le particelle e di schedulare i dati e Matteo loele si occupa di monitoring nella sala computer».

La scorsa settimana i 7 ragazzi sono stati accolti presso l'Ambasciata italiana, situata nella capitale: una esperienza esaltante e formativa, secondo quanto riportato dai giovani: «Un'esperienza di crescita unica e indimenticabile che il nostro Polo Liceale di Rossano grazie al Rotary e al Dipartimento di Fisica dell'Unical di Cosenza ci ha offerto».

Innovazione, tecnologia ed educazione delle generazioni future: scuola e università. Quelle regole di valutazione e meritocrazia, aperte al talento, ai giovani e alla professionalità, che da anni sono "normali" all'estero. Gli obiettivi fondamentali dell'iniziativa sono: avvicinare i giovani alla scienza e alla ricerca, individuare e incoraggiare i più meritevoli e promettenti e stimolare lo spirito dell'innovazione e della collaborazione tra gli studenti.

Valorizzando le competenze e le potenzialità scientifiche e tecnologiche, offrendo loro le più significative opportunità per confrontarsi, crescere e realizzarsi nella scienza e nelle sue applicazioni. La scienza ci rende liberi perché il modo, tipico del metodo scientifico, di osservare la realtà ci spinge a guardare il mondo con uno sguardo critico, a porci delle domande, ad essere sempre curiosi, a trovare soluzioni ai problemi. Insomma ad avere coscienza di ciò che non va e guardare oltre a ciò che è dato per scontato. Studio e formazione sono la chiave per la crescita reale di un paese.

Veronica Gradilone
Autore: Veronica Gradilone

26 anni. Laurea bis in Comunicazione e Tecnologie dell’Informazione. Mi piace raccontare le storie, non mi piace raccontare la mia