3 ore fa:L'ex senatrice Abate rivendica quanto fatto per la Calabria
2 ore fa:Urbact, dopo la visita della delegazione greca a Co-Ro le "buone pratiche" diventano modello
2 ore fa:Mandatoriccio, attesa per i festeggiamenti di San Francesco di Paola
3 ore fa:Eolico off-shore, le pale eoliche potrebbero essere assemblate nel Porto di Corigliano-Rossano
1 ora fa:Servizi Sociali Cariati, indetto avviso pubblico per short list di esperti
4 ore fa:A Rocca Imperiale la presentazione del libro “Buon Giorno, Prete”, nel ricordo di padre Domenico
42 minuti fa:La Calabria è uno scrigno di biodiversità. «Una carta vincente per a nostra Regione»
4 ore fa:VOLLEY - "Marathon Experience" alla fase finale
12 minuti fa:A Cosenza il seminario "Didattica digitale: a che punto siamo? Prospettive per il futuro"
1 ora fa:Mimmo Bevacqua presenta il suo libro “La mia forza è la moderazione”

Ancora un attentato ai lavori della statale 106 nella Sibaritide, a fuoco due mezzi di Webuild

1 minuti di lettura

CASSANO JONIO - Questa volta l’anonima incendi ha colpito un escavatore e un merlo (una sorta di cestello utilizzato per “sollevare” gli operai per raggiungere tutte le aree dei cantieri) della Webuild, società impegnata nei lavori di realizzazione del Terzo megalotto della statale 106. Il risultato è, purtroppo, parte di un bollettino diventato consuetudine: danni ai mezzi, centinaia di migliaia di euro in fumo, ritardi e una sensazione di generale insicurezza per le imprese in tutto il territorio. I fatti si sono verificati nella notte tra venerdì e sabato nel cantiere del Raganello nel comune di Cassano allo Jonio, dove è in costruzione un viadotto. I carabinieri della Compagnia di Cassano Jonio, guidati da capitano Michele Ornelli, indagano per dare un volto agli autori dell’azione.

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.