11:00 am:Calabria: calano contagi e indice tamponi. Terapia intensive in discesa - TUTTI I NUMERI DEL CONTAGIO
10:30 am:«Ospedale subito!» la battaglia della Lega tumori sul presidio "Cosentino" di Cariati
10:01 am:Test rapido antigenico per alunni e famiglie dell’IC di Cariati
5:14 pm:Lo studio del rossanese Novelli: contro il Covid in arrivo gli anticorpi monoclonali
12:01 pm:Covid. Il Pollino piange ancora morti per la pandemia: la situazione
10:01 am:Drogava un’anziana. I familiari danno incarico all’avv. Francesco Nicoletti per denunciare la badante
12:01 pm:IL ROTOCALCO DELL'ECO - Una settimana di notizie in pillole
12:30 pm:Parco archeologico di Sibari: ora (forse) si fa sul serio. Nominato un Cda “strategico”
7:01 pm:Il Crati torna a far paura: superato nel pomeriggio il livello di guardia. Protezione civile allertata
10:40 am:Verdi: «Presenteremo una lista forte e competitiva per il rinnovo del Consiglio regionale»

Schiavonea (Co-Ro), beccato con 400 grammi di marijuana: arrestato un 35enne

1 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - Gli doveva essere solo notificato un provvedimento di allontamento dalla casa familiare ed è finito in manette, in una cella del carcere di Castrovillari, con l'accusa di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio.

È accaduto ieri sera nel borgo marinaro di Schiavonea. Al centro dell'accaduto un 35enne. I carabinieri della stazione di Corigliano erano arrivati a casa sua per notificargli un provvedimento di allontanamento dal tetto familiare emessa dal Gip del tribunale di Castrovillari per il reato di maltrattamento nei confronti della convivente, aggravato dalla perpetrazione dei fatti alla presenza della figlia minorenne.

Sta di fatto che i militari, una volta entrati nell'abitazione si sono subiti accorti di movimenti sospetti all'interno della camera in cui stava l'uomo. A quel punto, i carabinieri hanno deciso subito di attivare le procedure di controllo. Sono partite le perquisizioni e una volta fatta irruzione nella stanza si sono trovati difronte un vero e proprio laboratorio di sostanze stupefacenti.

All'interno del locale è stato rinvenuto, infatti, un involucro di cellophane con 400 grammi di droga del tipo marijuana, un bilancio di precisione, materiale per il confezionamento pronto per lo smercio. In una scatola, inoltre, venivano rinvenuti diversi semi di cannabis.

I carabinieri, allora, una volta sequestrata la merce decidevano di arrestare l'uomo con l'accusa di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio e su autorizzazione della Procura di Castrovillari lo stesso veniva trasferito nel carcere del città del Pollino in attesa di giudizio.

Marco Lefosse
Autore: Marco Lefosse

Classe 1982, è schietto, Idealista e padre innamorato. Giornalista pubblicista dal 2011. Appena diciottenne scrive alcuni contributi sulla giovane destra calabrese per Linea e per i settimanali il Borghese e lo Stato. A gennaio del 2004 inizia a muovere i passi nei quotidiani regionali. Collabora con il Quotidiano della Calabria. Nel 2006 accoglie con entusiasmo l’invito dell’allora direttore de La Provincia, Genevieve Makaping, ad entrare nella squadra della redazione ionica. Nel 2008 scrive per Calabria Ora. Nell’aprile 2018 entra a far parte della redazione di LaC come corrispondente per i territori dell’alto Jonio calabrese. Dall’1 giugno del 2020, accoglie con piacere ed entusiasmo l’invito dell’editore di guidare l’Eco Dello Jonio, prestigioso canale di informazione della Sibaritide, con una sfida: rigenerare con nuova linfa ed entusiasmo un prodotto editoriale già di per sé alto e importante, continuando a raccontare il territorio senza filtri e sempre dalla parte della gente.