36 minuti fa:Tumore al seno: il primo in Italia a testare un innovativo strumento è un chirurgo calabrese
5 ore fa:Corigliano-Rossano, Centenario della nascita di Francesco Antonio Costabile
6 ore fa:Co-Ro, culto e tradizione nei festeggiamenti per San Francesco di Paola
6 minuti fa:Corigliano Rossano, costituiti i Giovani Europeisti Verdi: Zubaio e Nigro eletti portavoce
2 ore fa:Mormanno, finanziata la Compostiera di Comunità
3 ore fa:Baia di Borea, nel piccolo borgo di Calopezzati soffia il vento del cambiamento
1 ora fa:La Calabria del nord-est non è ancora pronta per la nuova frontiera delle Auto EV
4 ore fa:Giornata della Ristorazione in programma per il prossimo 18 maggio
1 ora fa:Lectio Magistralis di Mario Vicino a Castrovillari
5 ore fa:Ugl Calabria: «Sanità calabrese al Capolinea»

«Assurda e insensata la “crociata” contro il personale sanitario “imboscato”»

1 minuti di lettura

COSENZA - «La Fp Cgil Calabria bolla come assurde e insensate le polemiche che si sono susseguite alle dichiarazioni a mezzo stampa e alle interviste in tv in merito alla “crociata” contro il personale sanitario “imboscato” nei vari uffici delle Aziende del Servizio Sanitario Regionale a danno delle corsie ospedaliere lasciate vuote. Per poi scoprire, a dire di qualche esponente politico, che invece il problema fondamentale è quello delle inidoneità lavorative».

Lo scrivono in una nota stampa congiunta Alessandro Iuliano, Segretario Generale - Fp Cgil Cosenza; Francesco Masotti, Segretario Regionale Medici - Fp Cgil Calabria e Teresa Papalia, Segretaria Medici Azienda Ospedaliera di Cosenza - Fp Cgil Cosenza.

«La Fp Cgil di Cosenza ha inviato, a firma del segretario Generale Alessandro Iuliano, diverse segnalazioni all’azienda Ospedaliera di Cosenza in merito al mancato rispetto del CCNL e al demansionamento dei medici in forza. Segnalazioni rimaste senza nessun riscontro. Attendiamo, infatti, risposta sia alla segnalazione del 13 dicembre 2023 e sia al sollecito inviato il 12 gennaio 2024, missive entrambe indirizzate sia al Commissario Straordinario, sia al Direttore Sanitario e sia al Direttore Amministrativo con le quali affrontavamo la questione dell’utilizzo del personale medico per effettuare le prenotazioni per le visite di controllo sul sistema informatico».

Il segretario Generale della Fp Cgil Cosenza, Alessandro Iuliano, insieme alla Segretaria Fp Cgil Cosenza medici A.O., Teresa Papalia, e al Segretario Regionale dei medici Fp Cgil Calabria, Francesco Masotti, si chiedono «come reagirebbe la Politica Regionale e Cosentina se venisse informata che nell’Azienda Ospedaliera di Cosenza si vive una condizione diversa da quella denunciata?
Qui i medici, infatti, si vedono costretti, da una scelta illogica e senza senso, a svolgere oltre al loro ruolo naturale di sanitari, anche quello di amministrativi. Si devono occupare anche della prenotazione delle visite specialistiche successive alla prima, compito che potrebbe e dovrebbe essere tranquillamente affidato agli operatori del CUP aziendale, liberando così i medici da un carico burocratico che da una parte riduce il tempo da dedicare alle prestazioni sanitarie e dall’altra parte aumenta il tempo di attesa degli stessi pazienti».

«Auspicavamo un’interlocuzione con la Direzione Generale dell’Azienda Ospedaliera di Cosenza per affrontare e risolvere in maniera condivisa questa problematica, ma purtroppo non c’è stata e non per colpa nostra. Oggi scegliamo la strada della denuncia pubblica con la speranza che ci siano determinazioni risolutive e che la Politica insieme alle aziende si confronti anche con le Organizzazioni Sindacali al fine di affrontare i reali problemi e le responsabilità dello status quo della Sanità del nostro Nosocomio» concludono.

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.