14 ore fa:Rimane in coma farmacologico il tecnico precipitato da un cestello a Mirto
15 ore fa:La Presidente Succurro a San Cosmo per ribadire «la sua vicinanza ai Comuni arbëreshë»
1 minuto fa:Di carne o di melanzana, bianche o al sugo: le polpette per un giorno protagoniste sul New York Times
1 ora fa:L’autunno in Calabria: un miriade di colori e profumo di funghi e di castagne
13 ore fa:Biafora (Gn): «Lavoreremo per un grande progetto di crescita della nostra provincia»
11 ore fa:Incidente su via Provinciale a Corigliano scalo: c'è un morto
14 ore fa:Crisi energetica, spicca il caso Main Solution: 15 impianti fotovoltaici al giorno
14 ore fa:Cariati, avvocato aggredito con una grossa chiave da meccanico
46 minuti fa:Il Concorso nazionale Turismo dell'Olio passa per Co-Ro: ecco come partecipare
31 minuti fa:Caro carburante e caro energia: triplicano i costi dei biglietti dei treni. Il dramma dei pendolari calabresi

Lsu Lpu, Cisl: «Raggiunti in questi giorni due risultati importanti per il precariato calabrese»

1 minuti di lettura

LAMEZIA TERME - «Sono stati raggiunti in questi giorni due risultati molto importanti per una parte dei lavoratori precari e per gli Lsu Lpu della Calabria», affermano in una nota congiunta il Segretario generale della Cisl calabrese Tonino Russo, la Segretaria generale della CISL FP Calabria, Luciana Giordano, il Segretario generale della FeLSA Cisl Calabria Gianni Tripoli.

«Si tratta – proseguono i tre sindacalisti – di vertenze che da anni vedono la Cisl in prima linea nel sostenere con determinazione la necessità di un lavoro dignitoso sia per quei precari la cui presenza permette alle pubbliche amministrazioni degli enti locali calabresi di funzionare, sia per gli Lpu della nostra regione, la cui posizione è stata parificata a quella degli Lsu nel decreto milleproroghe. Da oggi questi lavoratori potranno guardare al futuro con maggiore serenità».

«La legge regionale – spiegano - approvata nei giorni scorsi riguardante “Modifiche e integrazioni alla Legge Regionale del 25 giugno 2019 n. 29 (Storicizzazione risorse del precariato storico)”, infatti, storicizza finalmente le risorse destinate ai precari della pubblica amministrazione, eliminando il vincolo triennale che perpetuava una situazione di dipendenza dalla politica. I lavoratori di cui alle leggi regionali 15/2008, 40/2013, 31/2016 (70 persone in Azienda Lavoro, 574 nei comuni, 52 in altri enti, tra cui il Parco nazionale del Pollino), vedono stabilizzata la loro posizione. Quando l’azione sindacale si incontra con la volontà politica i frutti si vedono. Questo della legge n. 29/2019 assieme a quella dei Lavoratori di pubblica utilità è un ottimo risultato del quale diamo atto al Presidente Occhiuto e al Consiglio regionale per aver mantenuto l’impegno assunto con le Organizzazioni sindacali confederali e per aver saputo trasferire in sede parlamentare l’esigenza di risolvere per via normativa quest’ultima delicata questione, che rischiava di perpetuare, se non risolta tempestivamente, una  disparita di trattamento giuridico ed economico fra i LPU e i LPU».

«Ora – sottolineano Russo, Giordano e Tripoli – chiediamo alla Regione un incontro per affrontare insieme a noi un tema che riteniamo fondamentale: l’aumento per questo personale delle ore di lavoro, quindi della retribuzione, con uno sforzo degli enti interessati utilizzatori e per quei comuni che non hanno le risorse necessarie, con un ulteriore intervento della Regione. Lo riteniamo necessario sia per le difficoltà della situazione sociale della Calabria, sia perché è indispensabile andare verso un utilizzo sempre più corretto di lavoratori che hanno maturato esperienza e competenza, la cui professionalità è fondamentale per il funzionamento delle pubbliche amministrazioni».

«L’obiettivo è il tempo pieno, per dare dignità al lavoro di tutti, compresi gli Lpu. Il percorso e il confronto con la politica – concludono i sindacalisti della Cisl – devono continuare».

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.