9 ore fa:Crosia in marcia contro gli atti vandalici che hanno colpito il Sindaco e l'amministrazione
13 ore fa:Mormanno, amministrazione e sindacati fanno fronte comune sull’ospedale
15 ore fa:Ferrovie della Calabria presenta nuovi treni e bus
14 ore fa:Nuovo ospedale della Sibaritide: servono più soldi. Stamani vertice in Prefettura
12 ore fa:Questura di Cosenza, cerimonia Commemorativa in ricordo del Questore Angelo De Fiore
9 ore fa:«Riforma Cartabia e ingiusta detenzione, cortocircuito del sistema»
10 ore fa:In Prefettura riunita la cabina di regia sull'ospedale unico della sibaritide
10 ore fa: I consiglieri regionali Graziano e De Nisi entrano in Azione
10 ore fa:Visita del consigliere regionale Laghi agli ospedali dello spoke Co-Ro: «Serve personale»
8 ore fa:Cariati, un pronto intervento sociale h24 per tutte le emergenze/urgente del cittadino

VOLLEY FEMMINILE - Perla di Calabria Rossano fa tremare i polsi: giocata la migliore partita del torneo!

2 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - Una partita da far tremare i polsi quella che la Perla di Calabria Pallavolo Rossano ha affrontato fra le mura amiche del palazzetto dello sport di viale Sant’Angelo nell’area urbana di Rossano contro la damigella d’onore del campionato di Serie D Femminile, l’Italo Istituto di Bellezza di Campo Calabro.

Ci voleva la grande prestazione per scrollarsi di dosso le due sconfitte consecutive e così è stato: le gialloblù hanno disputato forse la gara migliore del torneo, piegando un avversario di grande caratura e di grande tecnica. Una gara sicuramente da serie superiore. 

Luigi Zangaro dispone le sue ragazze con Veronica Risuleo palleggiatrice, Asia Sommario opposta, Laura Pereira e Marika Grillo centrali, Morena Scorpaniti e Martina Domanico in banda, Michela Falcone libero.
Paola Criserà risponde con Alessandra Bellantone e Lorena Corselli al centro, Maria Musarella alzatrice, Alessandra Mesiti opposta, Elisabetta Cotroneo ed Ilaria Cimarosa schiacciatrici, Lidia Cotroneo libero.

Nel primo set le bizantine iniziano con una rabbia ed un furore agonistico incredibile. Le titolate avversarie non hanno visto palla sino al 15-5 per Rossano. Da questo punto in poi le reggine iniziano a macinare gioco ed inizia una improbabile rimonta, anche grazie al cambio di palleggiatrice (entra Carmela Cotroneo). Stessa mossa per Rossano con l’ingresso di Aki Ruffo. Luigi Zangaro chiede un time out sul 19-10. Sul 24-13 il servizio della capitana Alessandra Mesiti frutta cinque punti al Campo Calabro, ma è troppo tardi: finisce 25-18. Nel finale spazio anche a Carlotta Munafò.

Il secondo parziale si gioca all’insegna dell’equilibrio in quanto le ospiti giocano con grande continuità dall’inizio alla fine. Parte meglio Rossano (9-5), ma il rientro della prima alzatrice Maria Musarella riequilibra il set. Si va avanti punto a punto ma la zampata finale è però della Fides che vince per 25-23. Nel Rossano spazio anche ad Aki Ruffo.
Nella terza frazione gioca dall’inizio Aki Ruffo (e sarà così per il resto del match), e Rossano parte a razzo come nel primo set, che si porta sul 19-11. Veemente la reazione Reggina, con sei punti consecutivi sul servizio di Lorena Corselli.

Riesce a riprendere le redini del gioco le rossanesi e si chiude sul 25-21.
Il trend positivo continua anche nel quarto set, con il team bizantino che va subito a condurre per 13-7. Stavolta le locali non si fanno rimontare, ed anzi continuano a colpire spietatamente sino al 19-11 prima ed al 22-14 poi. Il finale, fra il tripudio del folto pubblico presente, è di 25-17.


Una vittoria straordinaria, che potrebbe dare una svolta al torneo della Perla di Calabria Pallavolo Rossano, che agguanta al secondo posto il Campo Calabro e potrà godersi un panettone dolcissimo per le feste ormai prossime. Si riprenderanno le ostilità l’8 Gennaio, con rinnovato entusiasmo.

Veronica Gradilone
Autore: Veronica Gradilone

25 anni. Laureata in scienze della comunicazione. Laureanda magistrale in comunicazione e tecnologie dell’informazione. Mi piace raccontare le storie, non mi piace raccontare la mia