3 ore fa:Ripiomba l'inverno nella Calabria del nord-est. E sarà così fino a maggio
40 minuti fa:Aborto, Scutellà (M5s): «Il governo Meloni si allinea ai più retrogradi e conservatori governi di destra europei»
10 minuti fa:Al via i lavori del plesso "Faggiano" nel centro storico di Cariati
4 ore fa:Urbact, Corigliano-Rossano protagonista del programma europeo City-to-City Exchanges
14 ore fa:Incidente alle porte di Vaccarizzo: coinvolto il Sindaco Pomillo, trasferito in ospedale
2 ore fa:A Castrovillari "buona la prima" per il Pollicino Book Fest
1 ora fa:Al Polo Liceale di Rossano in scena lavori teatrali del Progetto "Staging Europe: This is us. We. Our past. Our future"
1 ora fa:Attentati alle attività commerciali di Sibari, Papasso chiede un presidio fisso di forze dell’ordine
15 ore fa:Prospettive e programmi per Corigliano-Rossano
3 ore fa:«I centri storici di Corigliano e Rossano sono in condizioni pietose»

Elettrificazione della jonica e Alta velocità, il mantra di Stasi

3 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - Il tormentone che anima il dibattito politico delle ultime settimane è la questione ferroviaria. Ne parlano tutti come se fosse un matra. Nonostante il treno, alle latituidini della Calabria del nord-est, lo prenda una percentuale minimissima di cittadini. Perché di fatto treni qui non ce ne sono più e la cultura della ferrovia si è persa in decenni di solitudine. Si può e si deve correre ai ripari per riportare sulle carrozze nuova utenza, invogliandola che il treno è il miglior (e forse l'unico) mezzo pubblico con cui muoversi. Sarà per questo che il sindaco di Corigliano-Rossano, Flavio Stasi, ormai quasi a cadenza quotidiana continua a lanciare messaggi che riportano l'attenzione sulla linea ferroviaria jonica e sul sistema di mobilità su rotaria che interessa tutto il settentrione della Calabria. Dall'alta velocità Praia-Tarsia alla elettrificazione della jonica. Una buona predica infarcita di ideali, populismo ma anche di assunti imprescindibili. Come, ad esempio, la necessità di fare i lavori di ammodernamento della linea Sibari-Catanzaro evitando, però, i disagi estivi. Tutto questo, bacchettando, come al suo solito, gli avversari di turno che (ancora) per oggi restano nelle istituzioni sovracomunali.

Ci sono conti che il nostro territorio deve chiudere, altri che deve riaprire. Di certo è giunto il momento di riaprire quello della storica dimenticanza delle Ferrovie, intese come di mezzo di trasporto e come società, nei confronti dello ionio: un conto amarissimo a carico dei cittadini.

La prova dell'esistenza di tali dimenticanze si riscontrano anche in alcuni episodi di queste settimane. In primis la chiusura della linea per i lavori di elettrificazione che vengono fatti da Giugno a Settembre: perché non farli solo a Ferragosto, Pasqua e Natale?

Lungi da noi voler ritardare questi importantissimi lavori, ma è evidente come l'enorme problema della mancata elettrificazione della ferrovia ionica non risentirebbe troppo dell'attesa di ulteriori tre mesi (evitando la chiusura estiva) alla luce dei trent'anni di ritardo con i quali questa opera viene presentata.

Oppure si pensi alla enorme difficoltà che si sta facendo per riuscire a non far perdere una misera coincidenza per il Sibari-Bolzano: tragicomico.

Lo dico col massimo rispetto per tutti coloro che lavorano nelle ferrovie, a tutti i livelli: il problema non credo sia la serietà di tecnici ed amministrativi, bensì la percezione del problema e del territorio da parte delle strutture politico-aziendali che sono convinte, da decenni, che lo ionio non sia una cosa che li riguardi, come se fossimo in un'altra nazione o continente.

La vicenda della Praia-Tarsia rappresenta la proiezione più autentica di tale difficoltà, aggravata dal patologico silenzio tombale di una intera rappresentanza territoriale che mi auguro sia inconsapevole di ciò che significherebbe, per il futuro della nostra terra, l'estromissione della Valle del Crati dal percorso della Alta Velocità, quindi l'abbandono del nodo di Tarsia.

E' un processo di marginalizzazione e “contenimento barbarico della spesa” che avevano provato ad innescare anche sulla Statale 106, quando solitariamente (purtroppo) mi opposi ad un progetto da 300 milioni di euro che prevedeva un'idea progettuale da deserto atomico, sul quale, ovviamente, il Comune diede un inaspettato (per loro) parere sfavorevole.

Ciò che temo non sia chiaro agli altri amministratori, anche di livello extra-comunale di tutti gli schieramenti e di altri territori, a partire da quelli più meridionali, è che questa vicenda segnerà la mancata realizzazione della Alta Velocità in Calabria, che sarà trasformata in una “rabberciata” alla linea tirrenica.

Del resto, sotto il profilo strettamente “contabile”, il fatto che gran parte della Provincia di Cosenza, nel caso di cancellazione della Praia-Tarsia, continuerà serenamente a preferire altri mezzi di trasporto piuttosto che impiegare un'ora e mezza per raggiungere la stazione AV più vicina, consentirà ad RFI di poter dire che il bacino di utenza non giustifica l'investimento, senza alcun vantaggio per il tirreno e con buona pace di Reggio Calabria, Catanzaro e Cosenza.

Sono profondamente convinto che si tratti di un errore di carattere strategico sul quale la Regione Calabria ed il Ministero debbano quanto meno aprire un confronto, non solo perché quest'area della Calabria ha diritto ad essere collegata come qualsiasi area del resto d'Europa, ma soprattutto perché, se messa nelle condizioni di poterlo fare, può dare un contributo importante al Paese.

Si affronti il tema del nodo di Tarsia, scevri da condizionamenti di carattere politico, non attraverso delle sterili (ed anche poco credibili) criticità di carattere tecnico - che non sarebbero certamente diverse per altri tracciati - ma con una visione strategica dello sviluppo della nostra terra e sono certo che convergeremmo tutti sullo stesso tracciato: noi siamo pronti al confronto.

Il sindaco Flavio Stasi

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.