2 ore fa:A Trebisacce nasce un emporio solidale per far fronte alla crisi e alla povertà
3 ore fa:Accusati di spaccio di droga, sono stati assolti due giovani di Corigliano-Rossano
Ieri:La Calabria sotto i riflettori della Rai: domani la prima delle due puntate di “Linea Verde”
1 ora fa:Rocca Imperiale nel Decennio francese, il Risorgimento e l’Unità d’Italia
6 ore fa:Per il CoRo Family Fest arriva "Zampalesta, u cane tempesta"
7 ore fa:Inizia la movida estiva a Co-Ro ma la strada di Fabrizio Piccolo è piena di immondizia
Ieri:"Legalità' e sicurezza in Calabria": Europa Verde-Verdi esprime soddisfazione per l'approvazione del progetto
8 ore fa:U' San Giuvanni e quell'antico "patto" del comparaggio che nasce da... U' Pùpulu
5 minuti fa:Schiavonea, Polizia locale in azione: maxi sequestro di migliaia di bijoux
9 ore fa:8 ore e 35 minuti da Reggio Calabria a Sibari, in una regione che vuole fare turismo. Ma fate sul serio?

Rapani (FDI): «Centrodestra vince se unito, ora lavoriamo per il 2024 e spazziamo via il populismo di Stasi»

1 minuti di lettura

CORIGLIANO ROSSANO - «Le amministrative 2022 sanciscono, qualora ce ne fosse bisogno, una ormai acclarata verità: il centrodestra unito vince. Le urne premiano ancora una volta la coerenza di Giorgia Meloni e di Fratelli d'Italia».

È quanto afferma in un comunicato stampa Ernesto Rapani, componente dell'esecutivo nazionale di Fratelli d'Italia.

«Il risultato delle recenti amministrative conferma, quindi, quanto sosteniamo da sempre e non a caso il nostro modus operandi è il coinvolgimento di tutti i partiti ed i movimenti di centrodestra su piccoli e grandi temi di interesse territoriale, perché per battere populismi e centrosinistra è necessaria l'unità di intenti».

«Ed è sull'onda di questi risultati che bisogna lavorare per giungere preparati ai prossimi appuntamenti elettorali, tra cui le amministrative dei vari comuni e quelle di Corigliano Rossano nel 2024. Dopo l'aberrante incidente di percorso targato Flavio Stasi, da cancellare e dimenticare, eletto sull'onda del malpancismo, la città, la prima città della provincia di Cosenza per popolazione e territorio, deve voltare velocemente pagina – si legge nella nota - Stasi è figlio del populismo più becero, in linea con quell'ipocrita tzunami giallo che si era ripromesso di rivoltare l'Italia come un calzino e poi ha ceduto alle primissime lusinghe del potere e dello status quo. Il primo cittadino di Corigliano Rossano è la fotocopia sbiadita di quei personaggi e come loro finirà nell'oblio. L'attuale sindaco pro tempore è la dimostrazione lampante che i movimenti civici di ispirazione trasversale sono anche questi un errore. La storia insegna che le loro vittorie sono poi state sempre schiacciate dal peso delle cambiali elettorali sottoscritte per trionfare a tutti i costi da personaggi senza né arte né parte».

«Per governare la città unica serve la politica, servono partiti, servono i programmi e le idee, serve una visione prospettica nel tempo. Servono amministratori capaci di trasformare quelle idee in raffigurazioni plastiche nella realtà quotidiana, per uno sviluppo sostenibile del territorio. Corigliano Rossano, centro nevralgico dell'area jonica e dell'intera Sibaritide – conclude Rapani - deve svolgere il ruolo naturale di centro di aggregazione, sdoganarsi dall'isolamento in cui Stasi l'ha catapultata ed ergersi a guida, con autorevolezza. Ma soprattutto deve saper dimostrare con i fatti che può assolvere a quel ruolo e non solo con la forza dei grandi numeri. Per questi motivi auspichiamo unità di intenti e di obiettivi tra le forze di centrodestra. Ai neo amministratori di centrodestra eletti nei comuni auguriamo buon lavoro ed a chi è ancora in corsa nei turni di ballottaggio, buona fortuna».

(fonte comunicato stampa)

 

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.