14 ore fa:Secondo Vanity Fair tra i 5 borghi imperdibili dell'Alta Calabria anche Altomonte e San Sosti
11 ore fa:Grande successo al MuMam per l'incontro con lo scrittore Carmine Abate
12 ore fa:Le eccellenze mediche puntano sull'Unical: superate le 100 candidature per la call internazionale
9 ore fa:La cittadina di Cariati si tinge di rosso Ferrari. Soddisfazione immensa
15 ore fa:Vertenza Nuovo Pignone BH, Stasi farà ricorso contro l'autorizzazione ZES dell'Autorità Portuale
13 ore fa:Marathon degli Aragonesi: il re del Pollino è Antonio Vigoroso 
9 ore fa:Lungro, il Collettivo Stipaturi contro il vile atto vandalico: «Il nostro tessuto sociale è da tempo lacerato»
12 ore fa:Consorzio di Bonifica, al via controlli straordinari contro abusi e sprechi d'acqua
10 ore fa:Detenuto turco prima mette a soqquadro il braccio di detenzione e poi aggredisce gli agenti della penitenziaria
13 ore fa:A Co-Ro col solstizio d'estate parte un nuovo concept di degustazione identitaria: MinikƏ

Concerto del Duo Sarubbi alla Sala Mahler di Trebisacce

3 minuti di lettura

TREBISACCE  – Sabato 16 settembre 2023 alle ore 19:00 nella sala Mahler avrà luogo un concerto della violinista Ivana Sarubbi e della pianista Laura Sarubbi.

L’evento concertistico è organizzato da Ama Calabria e dall’Accademia Mahler con il sostegno del Ministero della Cultura Direzione Generale dello Spettacolo e a collaborazione dell’Amministrazione Comunale di Trebisacce. L’evento si realizza con il sostegno del Ministero della Cultura Direzione Generale Spettacolo e della Regione Calabria Assessorato al Turismo nell’ambito del progetto Calabria Straordinaria.

In programma musiche di Ludwig van Beethoven, Gaetano Donizetti e Franz Schubert.

 

Ivana Sarubbi (1994) ha intrapreso lo studio del violino all’età di 10 anni, ha conseguito il diploma accademico di primo livello nel 2016 con 110/110 e il diploma accademico di secondo livello nel 2018 con 110/110 e lode presso il conservatorio di musica “S. Giacomantonio” sotto la guida del maestro Héloïse Geoghegan. Ha frequentato diversi corsi di perfezionamento sia di strumento che di musica da camera, tenuti dai maestri Marco Misciagna, Francesco Manara, Massimo Polidori e Sergei Nesterov. Ha preso parte a numerosi concorsi sia di strumento che di musica da camera, tra cui: XIII concorso Giovani Musicisti città di Paola, 2015 (2° premio); concorso musicale premio “R. Schumann”, 2016 (1°premio sezione musica da camera); concorso internazionale di musica MusicAzioni, 2017 (1°premio sezione solisti, 1° premio assoluto sezione musica da camera). Ha partecipato al corso di formazione orchestrale presso l’Orchestra Giovanile Italiana per l’anno accademico 2016/17, ha suonato presso: l’Orchestra Giovanile Italiana; l’Orchestra Sinfonica Calabrese; la Grieg Chamber Orchestra, l’Orchestra Roma Tre. Attualmente collabora con l’Orchestra del Teatro Cilea, l’Orchestra Filarmonica della Calabria, l’Orchestra Filarmonica Campana e risulta idonea presso l’Orchestra Nazionale dei Conservatori, l’Orchestra Vittorio Calamani, la Monferrato Classic Orchestra, la Filarmonica del festival pianistico Internazionale di Brescia e Bergamo e l’Orchestra Magna Grecia di Taranto. Ha studiato passi orchestrali presso l’Accademia di musica di Pinerolo col maestro Alessandro Milani nell’anno accademico 2018/2019 e preso parte al percorso formativo professionalizzante Professione Orchestra anno 2019 sempre col maestro Milani. Ha consolidato il repertorio solistico presso l’Accademia MusicArte di Rende (CS) col maestro Mauro Tortorelli e attualmente è seguita dal maestro Stefano Pagliani. Insegna violino presso l’accademia di musica “G. Mahler” di Trebisacce.

Laura Sarubbi si è diplomata in pianoforte nel 2010 con il massimo dei voti e nel 2014 in
clavicembalo presso il Conservatorio “F. Torrefranca” di Vibo Valentia. Durante il percorso degli
studi ha seguito corsi e masterclass di perfezionamento per quanto riguarda sia l’aspetto solistico che cameristico, di cui alcuni organizzati dal Conservatorio stesso, come “20dita in Festival” con il M° H. Moreno e il M° N. Capelli, “Canti polacchi di Chopin”, “Lieder di Schumann”, “Il Lied di Liszt”e “La produzione liederistica di Mahler”, “Il lied di Brahms”, oltre a partecipare ai concerti tenuti in occasione degli eventi natalizi, pasquali e di convegni in qualità di clavicembalista e/o pianista. Ha seguito i corsi di perfezionamento tenuti dal M° E. Murano, il M° B. Canino ed il M° G.A. Brustiaper il pianoforte solista e il M° P. Hantai per clavicembalo, e ha partecipato a numerosi concorsi, in uno dei quali si è classificata al 2° posto al “SCI. PA. SA. GI.” di Roma. Ha avuto esperienza in diverse formazioni cameristiche in occasioni di concerti e masterclasses tenuti in tutta Itali. Negli anni 2012 e 2013 ha preso parte come maestro collaboratore al pianoforte al “Workshop Lirico Internazionale - Operastudio a Verbicaro (CS)” organizzato dal M° Angelo Guaragna, il regista Aldo Tarabella e la cantante Graciela Alperyn per le opere “Elisir d’amore” di G. Donizetti e il “Barbiere di Siviglia” di G. Rossini seguendo dapprima la preparazione dei recital e, in seguito, in un tour di concerti rappresentati in forma ridotta per le scuole e integrale per le serate liriche nei teatri in Italia e nelle sale comunali in Germania. Si è esibita in concerto in diverse formazioni sia come pianista che come clavicembalista affiancando, dopo gli ultimi studi di organo presso il Conservatorio di Matera, recital organistici in Italia, Belgio, Francia, Germania, Svizzera e Ucraina.
 Collabora attivamente con una ditta organaria per la costruzione, il restauro e la manutenzione di organi a canne. Nello specifico si dedica alla progettazione di nuovi strumenti, alle ricerche filologiche per il corretto restauro degli strumenti storici – dopo aver seguito corsi di organologia e filologia musicale all’interno della stessa azienda.

Rita Rizzuti
Autore: Rita Rizzuti

Nata nel 1994, laureata in Scienze Filosofiche, ho studiato Editoria e Marketing Digitale. Amo leggere e tutto ciò che riguarda la parola e il linguaggio. Le profonde questioni umane mi affascinano e mi tormentano. Difendo sempre le mie idee.