17 ore fa:Ritardi di spesa del Pnrr, Scutellà (M5s): «Basta scarica barile, il Governo si assuma la responsabilità»
15 ore fa:Rapani (FdI) chiede un riferimento unico per coordinare le azioni di prevenzione e gestione dei fiumi
15 ore fa:Nello storico Maria De Rosis si ritornerà a giocare a pallone: partiti i lavori per il centro sportivo
14 ore fa:Giornate FAI di Primavera: appuntamento il 24 e 25 marzo
17 ore fa:Il Comune di Policoro si illumina di verde in occasione della Giornata Mondiale delle Malattie Rare
16 ore fa:Longobucco ancora isolata, chiesto un incontro ai vertici Anas e della regione
14 ore fa:Il Punk non è morto! Al Castello Ducale la celebrazione di un cult
18 ore fa:Forza Italia Cassano dice "No" alla bretella di Sibari
16 ore fa:È nato il Comitato regionale "La Via Maestra"
18 ore fa:Prende forma la rete delle Comunità Ospitali di Calabria: Un modello nuovo, ma dal cuore antico

Cassano Jonio: tre arresti per reati di porto, detenzione e vendita di armi

1 minuti di lettura

CASSANO JONIO - I carabinieri di Cassano Jonio hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal tribunale di Catanzaro su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di tre soggetti (uno in carcere, due agli arresti domiciliari) ritenuti gravemente indiziati, a vario titolo, dei reati di porto, detenzione e vendita di armi.

Le indagini hanno consentito di cristallizzare, in termini di gravità indiziaria, una serie di condotte contemplanti l’illecita detenzione di armi da parte degli indagati e la conduzione di una trattativa avente ad oggetto lo scambio di una pistola cal. 6,35 con una cal.7,65 bifilare – poi effettivamente concretizzatosi.

A carico del soggetto sottoposto alla custodia in carcere, il Gip catanzarese ha riconosciuto l’aggravante mafiosa, trattandosi di personaggio che, già gravato da un precedente definitivo per il delitto di cui all’art. 416-bis c.p., è apparso quale trasversale a disposizione delle due consorterie operanti nell’area cassanese, ovvero le famiglie Forastefano ed Abbruzzese e, dunque, un punto di riferimento a cui rivolgersi per il rifornimento di armi.

Il procedimento per tutte le ipotesi di reato, attualmente, pende nella fase di indagini preliminari.

Rita Rizzuti
Autore: Rita Rizzuti

Nata nel 1994, laureata in Scienze Filosofiche, ho studiato Editoria e Marketing Digitale. Amo leggere e tutto ciò che riguarda la parola e il linguaggio. Le profonde questioni umane mi affascinano e mi tormentano. Difendo sempre le mie idee.