19 ore fa:Da tutta la Calabria per il Festival più lungo che c'è
15 ore fa:Presentazione CambiaVento: numerose le presenze
12 ore fa:Il Museo delle Maschere di Alessandria del Carretto si prepara all'apertura e svela il nuovo logo
11 ore fa:Con il "Porta a Porta" dall'1 maggio arrivano anche i nuovi mezzi di raccolta
18 ore fa:Peppe Voltarelli in tour in Belgio e Francia
17 ore fa:Al Polo Infanzia Magnolia parte il progetto di prevenzione contro l'abbandono degli animali
16 ore fa:Il Comando Militare Esercito Calabria dona il sangue
17 ore fa:I liceali di Trebisacce vincono al “Festival dei Giovani di Gaeta 2024”
18 ore fa:Campi Flegrei, la Calabria è pronta ad accogliere più di 56mila sfollati?
13 ore fa:Sila-Mare, la strada privilegiata per la ricostruzione del Viadotto Ortiano: aprono i cantieri

Omicidio Aquino: una contrapposizione tra gruppi criminali per il controllo del territorio

2 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - Vi era in atto una contrapposizione tra gruppi criminali ispirati da finalità per il controllo del territorio. È questa l’idea, poi suffragata dall'azione investigativa, che ha guidato l’attività degli inquirenti attorno ad alcuni atti criminosi che si sono consumati nel primo semestre di questo 2022. E questa attività, che ha visto impegnato in prima persona l’ormai ex comandante del reparto territoriale dei carabinieri di Corigliano-Rossano, tenente colonnello Raffaele Giovinazzo, da qualche giorno trasferito a Crotone, ha sortito gli effetti sperati in quanto questa mattina è scattata l’operazione che ha portato il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Catanzaro, Giuseppe De Salvatore, ad emettere un’ordinanza applicativa di misure cautelari in carcere nei confronti di 6 persone, tutte coriglianesi, quasi tutte residenti in contrada Fabrizio, indagate, assieme ad altre 6 e a vario titolo, per il fatto di sangue, per l’omicidio mancato, e per altri reati tutti aggravati dal metodo mafioso: occultamento di armi clandestine, spaccio di droga, estorsioni e danneggiamenti.

Le 6 misure cautelari in carcere sono state richieste e ottenute dal sostituto procuratore Alessandro Riello, e dal procuratore aggiunto Giancarlo Novelli, della Procura Antimafia catanzarese diretta da Nicola Gratteri. L’omicidio al centro dell’inchiesta odierna è quello del 57enne Pasquale Aquino, compiuto la sera del 3 maggio del 2022 nella località di Schiavonea.

La vittima era stata avvicinata da un sicario che lo aveva raggiunto mentre scendeva dalla sua auto per fare rientro a casa sparandogli diversi colpi di pistola senza lasciargli scampo prima di allontanarsi insieme ad un complice. L’uomo nel 2017, era rimasto coinvolto in un’inchiesta su un gruppo criminale che avrebbe gestito un’attività di spaccio di droga nell’area di Corigliano Rossano. L’indagine sull’omicidio Aquino, è andata avanti dal giorno dell’omicidio e fino ad agosto scorso, permettendo di delineare uno spaccato allarmante della realtà delinquenziale nel territorio di Corigliano-Rossano, focalizzando gli assetti criminali nel settore del narcotraffico e sulle dinamiche di controllo del territorio in cui sono emersi gravi indizi di colpevolezza nei confronti di una serie di soggetti in relazione ad una gravissima sequenza di reati.

L’inchiesta ha interessato anche un altro fatto di cronaca consumatosi la sera del 1 giugno scorso: il tentato omicidio di Cosimo Marchese detto “Il diavolo”, un 39enne pregiudicato coriglianese. Noto per reati di droga. Quella sera Marchese si trovava a bordo della propria Fiat Panda quando sarebbe stato raggiunto e sorpassato da un furgone. Dal mezzo all’improvviso si sarebbe spalancato il portellone posteriore e sarebbero spuntati due sconosciuti, uno dei quali armato. Ed ha aperto il fuoco.

Colpiti a più riprese il parabrezza e la carrozzeria. Marchese, per sua fortuna, è rimasto soltanto ferito a una gamba e ad un braccio. Qualcosa d’imprevisto potrebbe aver fatto desistere in extremis il gruppo d’azione, probabilmente il rumore di qualche autovettura che stava per sopraggiungere. Secondo indiscrezioni raccolte negli ambienti investigativi sarebbe il 21enne Francesco Le Pera l’esecutore materiale dell’omicidio Aquino, ed anche uno dei componenti il gruppo di fuoco che ha tentato di uccidere Marchese.

Giacinto De Pasquale
Autore: Giacinto De Pasquale

Classe 1958, ha profondo rispetto per il lettore, da qui il motto “prima la notizia e poi il resto”. Giornalista dal 2002. È dal lontano 1976 che inizia a scrivere sul “Giornale di Calabria” di Pietro Ardenti. Inizialmente si occupa solo di cronache sportive. Sempre dal 1976 con “Radio Libera Corigliano” e poi con varie emittenti quali TLC, Video Erre e TeleA1 Corigliano. Nel corso degli anni si occupa anche di cronaca nera, politica e culturale. Ha collaborato con Gazzetta dello Sport, Gazzetta del Sud e Il Quotidiano della Calabria. È direttore della prestigiosa rivista culturale “Il Serratore” e gestisce il blog ilcoriglianese.it. Nel 2014 è nella redazione fondante de “L’Eco dello Jonio”. Oggi ritorna con l’entusiasmo di chi sa che fare informazione in questa nostra terra di Calabria è difficile, ma grazie all’Eco dello Jonio tornerà a raccontare in maniera sincera quello che accade, per contribuire alla crescita sociale e culturale di questo nostro fantastico territorio