19 ore fa:Il comune di Cariati aderisce alla proposta di marketing territoriale di Visit Italy
18 ore fa:Conclusa la prima edizione del progetto “Marathon Experience” a Corigliano-Rossano
4 ore fa:Detenuto accusato di falsa testimonianza è stato assolto perché il fatto non sussiste
5 ore fa:Archeologi per un giorno: i bambini del Polo dell’infanzia Magnolia sulla tracce di Sybaris
2 ore fa:Viaggio tra i Feudi della Sila Greca - Le successioni in casa Sambiase del Principato di Campana
18 ore fa:Imprese e lavoro, il cassanese Leonardo Sposato nominato presidente di AEPI Calabria
4 minuti fa:Filcams Cgil alla 3 Emme: «Basta menzogne e  soprusi»
4 ore fa:Appiccarono il fuoco a due autovetture: in manette due cassanesi
3 ore fa:Cosa si dice nella Calabria del nord-est: una settimana di notizie
1 ora fa:Nuova toponomastica a Sibari nel solco della memoria e della commozione

«I centri storici di Corigliano e Rossano sono in condizioni pietose»

2 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - «Nonostante le pubblicità sui social e i render tirati fuori a fine mandato da questa amministrazione comunale il dato sotto gli occhi di tutti è che i Centri Storici di Corigliano-Rossano sono in uno stato pietoso e serve urgentemente un cambio di rotta rispetto all'attuale azione amministrativa che in cinque anni ha saputo prendere solo qualche piccolo provvedimento di facciata». È quanto si legge in una nota diramata ieri sera dai Comitati civici dei Centri storici di Corigliano-Rossano a sostegno di Pasqualina Straface che mettono sulla graticola il sindaco Stasi e lo attaccano sull'attività di manutenzione e «nessuna visione» per le due aree nobili della città.

E proprio le attività di manutenzione finiscono nel bersaglio dei sostenitori del candidato sindaco di Centro Destra: «Una guida cittadina - scrivono - che mentre le scuole chiudono, le attività commerciali tirano giù le serrande, le case si spopolano e interi quartieri sono lasciati nell'abbandono pensa a installare qualche balaustra e a pitturare qualche muretto da un po' l'idea dell'orchestra del Titanic che continua a suonare compiaciuta mentre la nave affonda. Dei cinque anni di amministrazione Stasi - aggiungono - a parte lo sfregio di via Roma, i centri storici ricorderanno ben poco. I concerti e le festicciole, per quanto gradevoli, non hanno mai risolto il problema dello svuotamento e del deperimento, e, anzi, possiamo dire che ormai sia Corigliano paese che Rossano centro stanno diventando dormitori per i lavoratori stagionali mentre i residenti se ne vanno. Se questa è l'idea di città normale, speriamo duri ancora questo paio di mesi».

E poi la "ricetta" per il futuro rilancio dei due abitati. «I Centri Storici - prosegue la nota dei comitati pro Pasqualina Straface - hanno bisogno di una riqualificazione seria, non delle case dei privati che fanno le liste ma complessiva. La gestione dei beni condivisi non deve essere assegnare spazi alle associazioni degli amici che ci fanno le festicciole vendendo la birra dentro, ma creare gestioni che possano davvero dare i loro frutti e rivalutare gli spazi abbandonati di cui entrambe le città sono purtroppo piene. Utilizzare la cultura vuol dire privilegiare le biblioteche comunali e non le attività in cui qualcuno ha degli interessi più o meno palesi. Fare turismo non vuol dire aspettare quei quattro pullman che ogni tanto si vedono portare dei visitatori, ma avere flussi costanti e servizi in grado di accogliere e ospitare in maniera degna chi sceglie di passare qualche giorno nella nostra città che al momento tutto è tranne che attrezzata».

«Riqualificare i centri storici vuol dire creare le condizioni affinché la gente possa tornare a viverci con piacere sapendo che ci sono servizi, attività, parcheggi e al tempo stesso essere capaci di attrarre tutto l'anno e non solo nei due mesi estivi flussi turistici offrendo servizi degni. Ci auguriamo che la prossima amministrazione, sperando sia alternativa all'attuale, possa investire di più e meglio sulle cose concrete e non sui progetti astratti e sulle balaustre perché altrimenti - conclude la nota - il declino dei due Centri Storici di Corigliano-Rossano potrebbe diventare inarrestabile».

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.