6:01 pm:Promenzio pone diversi quesiti urgenti sulla scuola al sindaco Stasi
8:01 pm:Le sorelle Falcone, da Camigliatello esportano il brand Calabria nel mondo.
6:01 pm:Gli assurdi "teatrini" della politica in tempo di pandemia: ma chi pensa ai cittadini?
6:01 pm:Altomonte vara il servizio civile per 12 volontari su due distinti progetti
7:30 pm:Sport, calcio: rinviata anche Cittanovese-Castrovillari
7:01 pm:Sul Pollino è arrivata la neve tra gelo ed euforia
7:01 pm:Spirlì attacca De Micheli: «Per la Calabria solo fuffa. Grandi progetti assenti»
7:01 pm:Caloveto ringrazia il dottor Labonia che dopo 35 anni va in pensione
7:15 pm:Cariati, la questione del porto sbarca sui tavoli della Regione Calabria
6:01 pm:Vaccarizzo, pubblicato il nuovo avviso per i buoni spesa

Serie D: il Corigliano Calcio a Licata dura un tempo

2 minuti di lettura
Dura battuta d’arresto per il Corigliano che, al “Dino Liotta”, perde per 5 a 1. Dopo tre  risultati utili consecutivi, la formazione biancoazzurra viene superata da un inflessibile Licata. Eppure, nella prima parte di gioco i coriglianesi avevano retto bene l’urto dei licatesi chiudendo addirritura in vantaggio. Nella seconda frazione, però, sono usciti fuori il tasso tecnico e la fame dei padroni di casa che hanno travolto gli ospiti. Biancoazzurri già decimati alla vigilia per le pesanti assenze dei due perni difensivi Strumbo e Colombatti a cui si è aggiunta quella di capitan Cosenza in mezzo al campo. Come se non bastasse durante la gara ha dovuto lasciare il terreno anche l’altro difensore La Gamba. Risultati alla mano della ventitreesima generale, sesta di ritorno del gir. I di serie D, che vedono il Corigliano restare in classifica a quota 22 punti, a braccetto col Marsala, e allontanarsi dalla zona franca ora a meno sei segmenti. Lotta salvezza sempre più intricata con l’ambizione di ambire almeno al miglior piazzamento nella griglia spareggi. Tornando alla sfida odierna, un tempo per parte ma siculi più determinati e voraci nel conquistare l’intera posta in palio. Per la cronaca, al 1’ Corigliano subito insidioso con una conclusione di Catalano. Poco dopo, ci prova anche Talamo ma senza effetti. Quindi, al 4' ancora ospiti in avanti con un rasoterra di Crispini. La risposta del Licata arriva al 13' con Convitto che becca il palo interno. Locali che premono e al 20' il neo acquisto Mazzotti è provvidenziale nello sbrogliare la matassa su un azione in area. Al 27' il Corigliano, però, passa grazie a Cito che di piatto insacca il gol del vantaggio. Al 43' Convitto semina panico in area coriglianese trovando il tempo di calciare ma D'Aquino salva porta. Al 45' pt Diaby sfiora il palo. Al 46' Catalano impegna l’estremo difensore locale Igrassia che ricaccia. Nella ripresa, il Licata torna in campo con il piglio giusto e al 3' il tentativo è di Civilleri. E’ il preludio al gol perché al 9' arriva il pareggio di Cannavò con un tiro perentorio. Passa un minuto e D'Aquino respingere una conclusione velenosa di Convitto. Licatesi che premono sull’acceleratore e al 15' trovano la rete del sorpasso con una bordata imprendibile sotto la traversa di Cannavò. Al 19' Civilleri impegna ancora il portiere D'Aquino che devia in angolo. Al 20' i gialloblù triplicano con un diagonale di Convitto.  Dopo un minuto Adeyemo con un piattone gira in rete portando a quattro le marcature del Licata. Reazione al 37' per i biancoazzurri con Esposito ma Ingrassia storna in corner. Al 38', intanto, Cannavò di testa serve la cinquina per i licatesi. Ultima azione al 44’ con un fendente all'incrocio di Catalano che Ingrassia scaccia ancora in angolo. Sconfitta da metabolizzare al più presto per il Corigliano perché da martedì si dovrà preparare la seconda trasferta consecutiva contro il Nola. L’auspicio sarà riacquistare vitalità e qualche infortunato di troppo.
Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.