3 ore fa:Rapani contro i 5 stelle: «Fallimento fatto di ipocrisia e incapacità»
4 ore fa:L'ira di Oliverio sul Governatore: «È arrivato Occhiuto, il salvatore della Calabria»
1 ora fa:Circuito Felice Nazzaro: vincono Renna e Balsamo
2 ore fa:A Corigliano-Rossano si produce uno dei mieli più buoni al mondo: grazie alle api e alle clementine
7 ore fa:Vicenda Baker Hughes ancora al palo: mancano concertazione e idee chiare sull'allocazione
3 ore fa:Campagna elettorale Corigliano-Rossano, Smurra: «Elevare la qualità del confronto»
1 ora fa:Precariato, anche a Corigliano-Rossano per anni sul lavoro «sono state costruite carriere politiche»
5 ore fa:Senza Sibari-Co-Ro addio anche alla Rossano-Crotone: l'appello di Tavernise
2 ore fa:Sbanda e finisce fuori strada, paura sulla statale 106
8 ore fa:Cariati, il consiglio comunale approva il il rendiconto della gestione per l’esercizio 2023

Rossano, Giuseppe Caputo: "Dato tanto a chi non lo meritava"

2 minuti di lettura
di MARTINA FORCINITI "Io un burattinaio? Un subdolo pettegolezzo. Non sono certamente dipese da me le dimissioni dei consiglieri comunali che hanno determinato la decadenza dell'ex sindaco". E' probabilmente il concetto più fortemente e frequentemente ribadito nel corso della conferenza stampa dell'Onorevole Giuseppe Caputo, tenutasi questa mattina (12 dicembre) nell'Hotel San Luca. Un dialogo chiarificatore con gli intervenuti volto a mettere un punto alla catena di congetture, più o meno politiche, nate all'ombra dello scioglimento dell'assemblea civica rossanese causata dalle dimissioni il mese scorso di 13 consiglieri comunali. "Perché, poi, avrei dovuto partecipare alle azioni che hanno portato all'interruzione del governo cittadino quando mio figlio, assessore di quella giunta, ha dovuto fare i bagagli e riprendere immediatamente servizio a Cosenza in quel di Equitalia? Non accetto che mi vengano attribuite assurde responsabilità che non sono assolutamente mie. L'unica responsabilità che mi si può riconoscere, quella sì e non ho paura di ammetterlo, è di aver consigliato tempo fa all'ex sindaco di non ricandidarsi perché sicuramente perdente, alla luce del malcontento che attraverso approfonditi sondaggi avevo avuto modo di constatare non solo fra la popolazione ma anche fra lo stesso personale comunale. Ma una volta ribaditami l'intenzione di una seconda candidatura, non ho fatto altro che prenderne atto. E mi rammarica il dover riscontrare il livello di irriconoscenza dimostrato da chi ha ricevuto tanto e, ora posso dirlo, forse immeritatamente. Perché per me, uomo delle istituzioni che si è sempre prodigato per il bene e nell'interesse esclusivo della mia città, fare il sindaco significa programmare, non occuparsi semplicemente dell'esistente. Basti pensare alla vertenza Enel, per la quale da quasi due anni premevo per la ricerca di una soluzione e di cui ci si è accorti solo con la salita degli operai sulle ciminiere. Si sarebbe dovuto presentare ai vertici Enel un progetto concreto, come quello - che io ho sempre sostenuto con decisione - di un porticciolo turistico. Questo significa programmare e, del resto, è quello che ho personalmente cercato di fare durante i miei mandati." Il centrodestra cittadino è oggi più che mai spezzato e disperso in mille rivoli. E, non a caso, la conferenza nasce anche dall'esigenza da parte dell'Onorevole Caputo, attualmente orfano di partito, di chiarire l'attuale situazione politica. "Sebbene nel 2015 non abbia rinnovato la tessera del mio partito, di cui francamente mi è difficile oggi sentirmi parte integrante, io sono un uomo di destra, me lo si legge in fronte. E il mio obiettivo era e rimarrebbe quello di rinsaldare il centro destra rossanese. Proprio per questo, avrei preferito che si desse priorità alla concertazione piuttosto che all'imposizione dell' "io" a tutti i costi". La candidatura di Ernesto Rapani? "Più che legittima. Del resto non è un ciclope con un occhio in mezzo alla fronte e, parlando di colori politici, non si parla di un esponente di rifondazione comunista, ma di una corrente che è sempre parte della mia macroarea di appartenenza". E su quell'asse Graziano-Caputo contro cui l'ex sindaco Antoniotti si è violentemente scagliato durante il suo pubblico comizio, l'Onorevole è serafico. "Io e il consigliere regionale intratteniamo rapporti di cordialità, ci sentiamo ogni tanto ma intrattenendo le normali conversazioni che possono avere un consigliere regionale con incarichi politici e un uomo delle istituzioni attualmente disimpegnato. Di quale asse stiamo parlando e soprattutto, lo chiedo a chi lo tira in ballo, un asse che sarebbe dovuto servire a cosa?"
Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.