11 ore fa:La Lega Navale incontra l'Esecutivo: in vista nuovi progetti per Corigliano-Rossano
10 ore fa:Imposte e Documento unico di Programmazione, torna a riunirsi il Consiglio comunale
13 ore fa:VOLLEY FEMMINILE - Sconfitta interna "indolore" per la Caffe San Vincenzo: quarto posto blindato
5 ore fa:Conte arriva a Corigliano-Rossano e con Stasi è amore a prima vista: «È una garanzia»
14 ore fa:Viaggio tra i Feudi della Sila Greca - Calopezzati, dai Caputo alla scomparsa di Covella Ruffo
4 ore fa:La Straface inaugura nuova punto politico a Rossano e parla di turismo: «Ci ispireremo a Tropea»
6 ore fa:Il purgatorio è finito: la Rossanese è l’Eccellenza
7 ore fa:Fu la Panaghia la prima chiesa di Rossano? C'è un indizio storico
15 ore fa:Cosa si dice nella Calabria del nord-est: una settimana di notizie
12 ore fa:Era stato stato accusato di violenza, assolto un agente di polizia

Le Lampare Bjc tornano a contestare l'operato dell'attuale amministrazione

3 minuti di lettura

CARIATI - Il gruppo consiliare "Le Lampare Bjc" commenta in una nota l'operato dell'attuale amministrazione comunale che - secondo i componenti - agisce perseguendo fini «familistici e opportunistici» soprattutto nell'affidamento di incarichi diretti.

«A Cariati "Scarta frùscio e piglia primera". È uno di quei tipici modi di dire - affermano - che stanno a indicare quando, per evitare una situazione spiacevole, indesiderata, si finisce in una condizione altrettanto negativa. È un detto napoletano che ben sintetizza quello che accade qui, a Cariati, ad ogni cambio di amministrazione. "Cambiare per migliorare" e poi ritrovarsi peggio di prima e con le stesse logiche di potere e interesse di sempre che hanno letteralmente rovinato e distrutto questo paese e questo territorio. Se un cittadino qualunque, solo per curiosità o per senso civico, andasse a vedere l'albo pretorio del Comune di Cariati, noterebbe senz'altro che da quando si è insediata questa amministrazione ci sono solo affidamenti diretti ed incarichi, "guarda caso", dati a chi notoriamente ha sostenuto questa amministrazione».

«A livello cronologico - continuano - l'ultima "novità" sono gli incarichi affidati per l'ufficio contenzioso a due professionisti, l'Avv. Urso e l'Avv. Agazio che, "casualmente", hanno fortemente sostenuto pubblicamente questa compagine amministrativa. Precedentemente sono stati affidati, sempre per logiche elettorali e senza dare possibilità a nessuno di partecipare, la comunicazione istituzionale alla Dott.sa Montesanto e a Cataldo Formaro. Prima ancora e sempre con criteri di interesse elettorale al Dott. Pasquale Marino, anche lui sostenitore di questa amministrazione, è stata affidata una costosissima consulenza che ha fatto molto discutere. I casi sono molti e il problema ci preoccupa. Questo modo di operare familistico e opportunistico va avanti da quasi un anno. In effetti questa amministrazione sembra, seppur composta da persone giovani, voler ricalcare il modo di fare del passato».

«"Volti giovani" - sottolinenao ancora - che dalle chiacchiere pre-elettorali hanno fatto ben presto a passare al totale silenzio appena seduti in Consiglio. Dall'indignazione e dalle prediche hanno fatto presto a passare al mutismo, alla sordità e alla cecità, come le famose tre scimmiette. A parlare è però, anche al posto dei giovani politici oggi al comando, l'albo pretorio che ci spiega chiaramente la situazione. Leggendo il sito del Comune, ad ogni affidamento e ad ogni incarico dato per motivi elettorali, pare quasi di sentire di nuovo parole e frasi come "rinnovamento" o "buona amministrazione", "voltare pagina", usate a vanvera, evidentemente, per racimolare voti da chi oggi è parte di questa amministrazione e si ritrova a sostenere un modo di fare che dovrebbe appartenere al passato. Quasi dispiace che un'amministrazione che dice di voler attuare il cambiamento non riesca a fare altro che ritrovarsi soltanto ad attivare procedure con cui affidare lavori e incarichi a chi, "casualmente", questa amministrazione l'ha votata! Ci dispiace per chi ci ha creduto senza doppi fini ma ancora di più per chi a questa logica ci si è rassegnato da tempoRicordiamo che i soldi Pubblici sono di tutti i cittadini cariatesi, anche di coloro che non hanno votato questa maggioranza. Utilizzare le casse comunali come un bancomat senza limiti è pericoloso».

«Nuovamente - precisano - evidenziamo che non è in oggetto la "bravura" dei professionisti o delle aziende ma i criteri di scelta utilizzati da questa amministrazione. Questa è un'amministrazione che al momento non ha cambiato nemmeno il bilancio copia-incollando quello dell'amministrazione passata. Questa è un'amministrazione che per ora sta seminando solo pochi piccoli "cantieri", voluti, in verità, dalla precedente amministrazione. L'isola ecologica intanto è ancora chiusa. La vera certezza è che gli unici a pagare sono sempre gli stessi, i cariatesi».

«Ricordiamo - aggiungono - che abusare degli affidamenti diretti può avere diverse conseguenze negative. Ecco alcune di esse: 1. Mancanza di concorrenza: L'abuso degli affidamenti diretti può ridurre la concorrenza tra le imprese o i professionisti. Quando gli appalti o gli incarichi vengono assegnati direttamente senza una procedura aperta si può incappare in spese più ingenti, in "prezzi più alti" e anche in una minore qualità dei servizi o dei prodotti forniti. 2. Potenziale corruzione: L'assenza di trasparenza nei processi di affidamento diretto può creare terreno facile per la corruzione. Senza una valutazione oggettiva delle offerte, infatti, si crea un maggiore rischio che le decisioni siano influenzate da favoritismi o interessi personali. 3. Spese eccessive: Come già accennato l'abuso degli affidamenti diretti può comportare costi maggiori per l'ente pubblico. Senza una gara aperta, non c'è modo di garantire o dimostrare che l'offerta selezionata sia la più vantaggiosa dal punto di vista economico. 4. Mancanza di innovazione: La mancanza di concorrenza può ostacolare l'innovazione. Ciò può avvenire perché le imprese o i professionisti che partecipano a gare aperte spesso presentano soluzioni creative e nuove idee. L'abuso degli affidamenti diretti può, al contrario, privare l'ente pubblico di queste opportunità e possibilità. 5. Critiche e sfiducia: L'opacità nei processi di affidamento può portare a critiche da parte dell'opinione pubblica perché la mancanza di trasparenza può minare la fiducia dei cittadini nell'amministrazione pubblica e nei suoi rappresentanti».

«Per quanto ci riguarda - concludono -, dopo quasi un anno ci appaiono evidenti molti dei motivi che ci hanno portato alle scorse amministrative a non "riuscire" a stringere accordi con lor signori. Intanto continua ad aumentare la povertà e le criticità per le fasce deboli di questo paese. Complimenti!».

Rita Rizzuti
Autore: Rita Rizzuti

Nata nel 1994, laureata in Scienze Filosofiche, ho studiato Editoria e Marketing Digitale. Amo leggere e tutto ciò che riguarda la parola e il linguaggio. Le profonde questioni umane mi affascinano e mi tormentano. Difendo sempre le mie idee.