17 ore fa:Nello storico Maria De Rosis si ritornerà a giocare a pallone: partiti i lavori per il centro sportivo
1 ora fa:Spaccio di sostanze stupefacenti, vasta operazione dei carabinieri tra Castrovillari e Cassano Jonio
30 minuti fa:Consegnata al Capo della Polizia Vittorio Pisani la nuova opera di Pino Savoia
17 ore fa:Rapani (FdI) chiede un riferimento unico per coordinare le azioni di prevenzione e gestione dei fiumi
1 ora fa:Autismo, a Corigliano-Rossano parte un progetto sperimentale
16 ore fa:Il Punk non è morto! Al Castello Ducale la celebrazione di un cult
3 minuti fa:Il mondo arbëresh calabrese sarà protagonista a Tirana
18 ore fa:Longobucco ancora isolata, chiesto un incontro ai vertici Anas e della regione
16 ore fa:Giornate FAI di Primavera: appuntamento il 24 e 25 marzo
18 ore fa:È nato il Comitato regionale "La Via Maestra"

Ania Lilith Gallery diventa showroom per la consegna del premio fotografia Art Fabrique Calabria 2022

2 minuti di lettura

MONTALTO UFFUGO - La galleria fotografica Ania Lilith Gallery di Stefania Sammarro (fotografa e direttore artistico di Art Fabrique Calabria) si è trasformata in uno showroom per la premiazione del miglior fotografo della sesta edizione di Art Fabrique Calabria, la kermesse che, anche quest'anno, ha portato nella nostra Regione una ventata di innovazione attraverso una visione concettuale dell'arte fotografica.

«Tema 2022: la memoria attraverso l'arte, "Memoryart". In occasione dell'appuntamento prenatalizio, la giuria di Art Fabrique Calabria ha assegnato il premio Oblivion a Francesco Scalzo. Il nome del premio deriva da "obliviate" ed è stato consegnato proprio a quella foto che non può essere dimenticata. I professionisti che hanno partecipato al contest hanno realizzato i loro scatti durante l'evento conclusivo della sesta edizione, tenutosi nel Chiostro di San Domenico (Montalto Uffugo) nel mese di settembre. La foto vincitrice è stata selezionata dalla giuria di Art Fabrique composta dalla fotografa Stefania Sammarro, dalla fashion designer Vincenza Salvino e dalla flower designer Carmen Guarascio. Le gigantografie laterali che decoravano il chiostro hanno fatto da cornice al soggetto principale: la modella è raffigurata in una posa eterea e sognante. Un'immagine che segna il passaggio tra due mondi e rimanda alla memoria, all'onirico. Il vincitore è così riuscito a centrare appieno il tema Memoryart comunicando la visione del "non detto" e catturando l'attenzione dell'osservatore».

Il direttore artistico di Art Fabrique Calabria Stefania Sammarro ha dichiarato che «il progetto nasce all'interno della mia galleria e vuole dare voce ai nuovi protagonisti dell'arte contemporanea, inerente al mondo della moda e della fotografia. Un premio a cui tengo tantissimo perché abbiamo voluto dare un'impronta importante alla memoria, tema di questa sesta edizione. Inoltre, Oblivion è anche il titolo del mio primo volume fotografico, pubblicato circa sei anni fa. Con la giuria di Art Fabrique abbiamo assegnato il premio alla foto che, secondo noi, è riuscita ad esprimere al meglio il "non detto", in perfetta linea con la nostra visione. Uno scatto evocativo che rimanda a un altro luogo, a un altro tempo. Quest'anno, hanno partecipato tanti professionisti, ma la foto che più ci ha colpito è quella di Francesco Scalzo. Con questo premio potrà realizzare un editoriale del catalogo 2023 e comunicare così la sua visione».

Il fotografo Francesco Scalzo ha confessato di essere «molto felice di aver ricevuto questo premio. Rappresenta il coronamento di un percorso che ho iniziato con Stefania la scorsa primavera. Con la mia associazione "Ladri di luce" siamo stati invitati a partecipare alla manifestazione e lì ho realizzato la foto premiata. Avevo individuato questi due scatti che andavano a creare una sorta di quinta».

«L'appuntamento prenatalizio tenutosi nella galleria di Stefania Sammarro – si legge nella nota - si è concluso con il defilé di moda che ha visto protagonisti gli abiti della stilista Vincenza Salvino e della stilista Cinzia Tiso, vincitrice del premio fashion designer 2022. Le loro creazioni sono state impreziosite dai gioielli di Aldo Piro. Tra i partecipanti, Alfredo Bruno (art director Missposi Italia, personal coach Portamento e stile, organizzatore di sfilate e servizi fotografici in abiti da sposa). L'incontro è stato il primo degli eventi che saranno dedicati alle quattro stagioni. Una serie di appuntamenti in cui si parlerà di moda, fotografia e arte a 360°. Tra luci, addobbi e tangibile sintonia, Ania Lilith Gallery ha ricreato un set fotografico che ha catapultato i presenti in un perfetto clima natalizio».

Rita Rizzuti
Autore: Rita Rizzuti

Nata nel 1994, laureata in Scienze Filosofiche, ho studiato Editoria e Marketing Digitale. Amo leggere e tutto ciò che riguarda la parola e il linguaggio. Le profonde questioni umane mi affascinano e mi tormentano. Difendo sempre le mie idee.