50 minuti fa:Il Cardinale Matteo Maria Zuppi riceverà il Premio Nazionale "Giorgio La Pira - Città di Cassano"
2 ore fa:Rischio idrogeologico, a Frascineto installata una stazione di monitoraggio e sorveglianza
4 ore fa:Presentato l’inno dell’Istituto Comprensivo di Mandatoriccio: cantato dai bimbi della primaria e musicato dall'orchestra della scuola
1 ora fa:Moda a Roma, tra "i racconti" in passerella anche quelli di 3 giovani calabresi
20 minuti fa:Morano Calabro tra le venti città italiane candidate a Capitale della Cultura 2027
2 ore fa:Cassano ha ospitato un grande evento di Reining
4 ore fa:Caloveto, attesa per i festeggiamenti in onore della Madonna della Beata Vergine del Carmelo
3 ore fa:Cariati, avviso pubblico di selezione per un Revisore Contabile Indipendente
3 ore fa:Unical: al via il bando per master, alta formazione e summer school
1 ora fa:Cariati, il servizio di trasporto pubblico urbano giornaliero diventa realtà

Coldiretti proclama lo sciopero contro i cinghiali

2 minuti di lettura

COSENZA - La presenza di cinghiali sul nostro territorio è ormai fuori controllo da troppi anni. Possiamo parlare di una vera e propria invasione. In Calabria i servizi veterinari stimano una presenza di cinghiali di 300mila capi, ma per Coldiretti "l'invasione" è ancora più rilevante.  «La situazione - afferma Franco Aceto presidente di Coldiretti Calabria -  è diventata insostenibile per più ragioni: distruggono i raccolti di grano, mais, uva, patate e tante altre coltivazioni; invadono strade sopratutto di notte, mettono a soqquadro città e paesi ed hanno provocato persino incidenti mortali. Rappresentano un pericolo per la incolumità delle persone e una tragedia dal punto di vista economico. La presenza dei cinghiali non è un problema solo per gli agricoltori, ma per tutti. Ed è un problema che va risolto!»

Dopo anni di battaglie della Coldiretti, spiega Aceto, con la legge di Bilancio 2023, in vigore da ormai più di 18 mesi, è stato introdotto nel nostro ordinamento l'articolo 19 ter della legge 157/1992, che prevede l'adozione di un "Piano straordinario per la gestione e il contenimento della fauna selvatica".

Tale piano è stato adottato con Decreto interministeriale del 13 giugno 2023, ormai 12 mesi fa. Le attività di contenimento disposte nell'ambito del piano non costituiscono esercizio di attività venatoria e sono attuate anche nelle zone vietate alla caccia, comprese le aree protette e le aree urbane, nei giorni di silenzio venatorio e nei periodi di divieto come previsto dalla legge. «Cosa manca allora? - si chiede Aceto -. Manca il Piano regionale di attuazione! Non c'è più tempo da perdere. Gli agricoltori e gli allevatori non possono più aspettare, mentre i cinghiali continuano a devastare i frutti del loro duro lavoro, lasciandosi alle spalle solamente danni e desolazione. Ormai è diventata una lotta per la sopravvivenza, soprattutto nelle aree interne già soggette a spopolamento».

Per questo Coldiretti Calabria è in mobilitazione e alla manifestazione di martedì 18 giugno parteciperanno  agricoltori e allevatori provenienti da tutta la Regione, cittadini e autorità istituzionali in particolare i sindaci e proseguirà fino ad ottenere quello che spetta ad agricoltori, allevatori, cittadini e consumatori. «Non possiamo più tergiversare, occorrono soluzioni forti perchè il problema non può rimanere così com'è in tutta la Calabria pena l'esplosione di situazioni ancora più dannose ed ingovernabili. Chiediamo di mettere fine all'inerzia e all'inadempienza della Regione con l'adozione immediata del Piano regionale di contenimento. Perdere ulteriore tempo significherà aggravare sicuramente il clima di panico e di danno materiale a carico dei cittadini tutti. Come sempre la Coldiretti è pronta a collaborare anche dal punto di vista tecnico per arrivare nei tempi più rapidi possibili a raggiungere un risultato indispensabile: diminuire il numero di cinghiali che devastano il nostro territorio. Dobbiamo tra l'altro, conclude Aceto, mettere al riparo, dal punto di vista di sanità veterinari,, gli  oltre 5mila allevamenti, compresi quelli familiari, con circa 52mila capi di suini e al netto dei quattro salumi DOP, Coldiretti stima che il comparto della produzione di salumi, insaccati e carne di maiale, allevamento, trasformazione, trasporto e distribuzione, è di oltre 400 milioni di euro».

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.