16 ore fa:Verso l'estate, basta ruspe e pulizie meccaniche sulle spiagge: la strada per la Bandiera Blu passa anche da qui
3 ore fa:Terzo appuntamento di "Nos petits tour" a Serragiumenta e Lungro
4 ore fa:Mormanno: la carovana della prevenzione farà tappa nel Pollino
1 ora fa:Tre giorni di esercizi spirituali per prepararsi alla Santa Pasqua
2 ore fa:Felice ma non troppo. Stasi dà il benvenuto a BH con qualche perplessità: «Saremo vigili!»
16 ore fa:Aggiudicata la gara per i lavori di rigenerazione urbana a Cantinella
15 ore fa:Il colonnello Luigi Greco è il nuovo comandante della Polizia Locale di Corigliano-Rossano
12 minuti fa:Il Museo di Longobucco non chiuderà. «L'opposizione eviti di diffondere informazioni errate»
42 minuti fa:Il PD vuole fare il punto della situazione sulla SS 106 e chiede incontro istituzionale
1 ora fa:L'ASD CorriCastrovillari trionfa ai campionati italiani Master di Ancona

Prestazioni fornite e debiti per milioni di euro, al Consorzio di Bonifica scoppia (anche) la grana dei creditori

2 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO – Il buco nero di debiti e accordi non rispettati lasciato in eredità dal Consorzio di Bonifica del Bacini dello Jonio cosentino continua ad avere forme sempre più impressionanti. La Riforma regionale che ha unificato i Consorzi con l’obiettivo di rendere più efficienti i servizi razionalizzando le risorse, rischia di creare una nuova e più immensa vertenza. Ieri sera, infatti, a Trebisacce si sono ritrovate tutte le imprese creditrici (per lo più aziende edili, del movimento terra e fornitori di materiale edile ed agricolo) per organizzare il sit-in di protesta davanti alla sede del Consorzio che si terrà nella mattinata del prossimo martedì 12 dicembre. Questo con l’obiettivo di avere un confronto con la Regione Calabria e in particolare con il presidente Occhiuto, l’assessore all’agricoltura Gallo ed il presidente della Commissione Agricoltura Gentile: «Vogliamo sapere se e quando ci verranno corrisposti i crediti che vantiamo».

E da quanto emerso dall’incontro di ieri, tenutosi nella sala meeting dell’Hotel Miramare, il passivo ammonterebbe a svariati milioni di euro. Si parla, addirittura, di circa 13mln di euro non corrisposti ad aziende e fornitori, che sarebbero stati accumulati durante l’ultima gestione consortile prima del commissariamento. «Non solo – dicono ancora gli imprenditori per voce del loro portavoce Marco Massaro – ancora oggi il Consorzio di Bonifica continua ad accumulare debiti con noi fornitori di prestazioni e servizi».

Ora, al netto delle giuste e sacrosante rivendicazioni e pretese dei creditori («qui ci sono aziende che rischiano il fallimento a causa di questi crediti non corrisposti») emerge un altro più importante punto di domanda sul quale s’interroga, questa volta, l’intera comunità dei contribuenti: ma tutti questi soldi, al Consorzio di Bonifica, ci sono mai stati? E se ci sono stati che fine hanno fatto?

Domande legittime soprattutto se si mettono fila tante altre questioni legate al Consorzio: a partire dalla mancata corresponsione degli stipendi ai dipendenti (una vertenza che dura da anni) per finire ai diversi disagi che da sempre si registrano nell’erogazione dei servizi consortili, per finire – adesso – alla nuova vertenza dei creditori. Sintomatico che negli ultimi anni, anche a fronte di una costante contrazione degli introiti (bisognerebbe capire perché?) e dei trasferimenti, le spese sono state di gran lunga maggiori rispetto alle entrate.

«La nascita del Consorzio Unico calabrese – questa la preoccupazione costante fatta emergere ieri dalle imprese – rischia di aprire un contenzioso senza fine. Perché sicuramente il vecchio consorzio sarà messo in liquidazione e questo per noi significa non recuperare i soldi già spesi per realizzare opere a favore del Consorzio». Insomma, un investimento a perdere con cifre esorbitanti. «Parliamo – racconta uno di loro – di capitali investiti per ogni azienda che vanno da un mino di 100mila euro a cifre che superano i due milioni di euro».

Soldi, tanti soldi – dicevamo – di cui non si ha più traccia. Come quelli trasferiti da Anas al Consorzio di bonifica per la eliminazione delle interferenze lungo il tracciato del Terzo Megalotto. «Si parla di 5 milioni di euro che non si trovano più. Noi – dicono le imprese – i lavori li abbiamo quasi completati ma ancora non ci sono stati pagati». Cosa succederà? Pare che Webuild (la società che si sta occupando dei lavori di realizzazione dell’infrastruttura) abbia trovato un accordo per i prossimi interventi bypassando il Consorzio e interagendo direttamente con le ditte. Ma anche questo è un problema… tutto in divenire  

Marco Lefosse
Autore: Marco Lefosse

Classe 1982, è schietto, Idealista e padre innamorato. Giornalista pubblicista dal 2011. Appena diciottenne scrive alcuni contributi sulla giovane destra calabrese per Linea e per i settimanali il Borghese e lo Stato. A gennaio del 2004 inizia a muovere i passi nei quotidiani regionali. Collabora con il Quotidiano della Calabria. Nel 2006 accoglie con entusiasmo l’invito dell’allora direttore de La Provincia, Genevieve Makaping, ad entrare nella squadra della redazione ionica. Nel 2008 scrive per Calabria Ora. Nell’aprile 2018 entra a far parte della redazione di LaC come corrispondente per i territori dell’alto Jonio calabrese. Dall’1 giugno del 2020, accoglie con piacere ed entusiasmo l’invito dell’editore di guidare l’Eco Dello Jonio, prestigioso canale di informazione della Sibaritide, con una sfida: rigenerare con nuova linfa ed entusiasmo un prodotto editoriale già di per sé alto e importante, continuando a raccontare il territorio senza filtri e sempre dalla parte della gente.