6 ore fa:Open day, il Polo Liceale di Rossano si presenta ai futuri studenti
6 ore fa:Il Tar Calabria boccia il ricorso contro il Referendum sulla fusione
4 ore fa:Festività natalizie, controlli più serrati: il Prefetto di Cosenza prepara il Piano territoriale anti Covid
1 ora fa:Covid, in Calabria stabile la pressione sugli ospedali ma si registrano 2 vittime
28 minuti fa:«La Calabria diventi “No Tax Area”»
6 ore fa:Cassano, 61mila euro per la manutenzione dei parchi e dei giardini comunali
14 minuti fa:Invalido, con il reddito di cittadinanza e col vizietto di rubare nei supermercati: arrestato un rossanese
5 ore fa:Buone notizie per gli impianti di Lorica, Ferrara (M5s): «Si lavori per la definitiva e immediata apertura»
54 minuti fa:Perseguitavano un uomo e la sua famiglia, eseguita misura cautelare nei confronti di due stalker
5 ore fa:Calabria, in arrivo 24.100 dosi di vaccini anti-covid Moderna

La CorriCastrovillari conquista il bronzo ai Campionati Nazionali ASI a Siena

2 minuti di lettura

CASTROVILLARI - La CorriCastrovillari non arresta la sua corsa, anzi raddoppia, conquistando due titoli importanti che affermano, ancora una volta, la forza e la caparbietà di questo gruppo, guidato da Gianfranco Milanese.

Nel corso de “La Staffetta della vita”, Campionato Nazionale ASI (Associazioni Sportive e Sociali Italiane) svoltosi a Siena lo scorso fine settimana, i podisti castrovillaresi hanno vinto la medaglia di Bronzo nella Staffetta 5X400, in una competizione che coniuga sport e bellezze paesaggistiche, dando la possibilità agli atleti di “correre nella storia”, con partenza dalla Fortezza Medicea, toccando i punti più suggestivi della città.

La particolarità di questa staffetta è la sua composizione: cinque corridori, tre uomini e due donne, appartenenti a differenti fasce d’età, dagli Under 14 agli Over 51, passando per gli Under 25, Under 35 e Under 50.

«Un’esperienza strepitosa» è stato il commento unanime degli atleti della CorriCastrovillari, «ci siamo sentiti immersi completamente nella natura e nell’arte» ha aggiunto Umberto Scorzafave; «correre con i ragazzi più giovani ci ha dato la possibilità di trasmettere loro i valori più nobili dello sport, aiutandoli e consigliandoli per la loro crescita sportiva» ha rimarcato Roberto Froio.

Dello stesso avviso Michel Martire: «è stata un’ottima occasione per migliorarsi e per conoscere nuova gente che condivide con noi la stessa passione».

 Gli fa eco Alessio Carrozzo che ha evidenziato il fattore in più che caratterizza la CorriCastrovillari «una squadra molto unita che in poco tempo ti fa sentire parte del team», coinvolgendo i propri atleti in «momenti speciali di condivisione, trascorrendo del tempo insieme e vivendo la magia della gara e del post gara» ha sottolineato Egidio Lauria.

«Ho trovato particolarmente emozionante poter gareggiare e confrontarmi anche con i ragazzi» ha dichiarato Elena Carpanzano, «è stato molto bello poter portare così in alto il nome della Calabria grazie al grande lavoro di squadra» e allo sport che, secondo Antonella Pagliaro «ha una potenza emotiva e capacità di aggregare. Io e mio marito, Antonio Perrone, da sempre siamo convinti che lo sport rappresenti una palestra di vita, capace di insegnare valori necessari per una vita all’insegna dell’amore di sé e degli altri, del rispetto, del buon umore e della salute mentale e fisica per questo ad ogni manifestazione a cui prendiamo parte da Roggiano a New York accanto a noi ci sono sempre le nostre bimbe Federica e Matilde oltre all’immancabile e immensa zia Teta, Valentina Perrone».

Infine, il più giovane del gruppo, Federico Ferrarini (12 anni) che ha vissuto per la prima volta «un’esperienza molto bella. Mi sono divertito molto e sono contento del risultato raggiunto sia da me che dalla squadra»; e il vicepresidente, Gaetano D’Elia, sempre presente ad ogni competizione: «tutte le specialità dell’atletica sono prettamente individuali a differenza della Staffetta dove si esalta e viene fuori lo spirito di squadra, l'incitamento dei tuoi compagni fa aumentare ancora di più la produzione di adrenalina. In ultimo ma non per importanza - ha concluso D’Elia - la Corricastrovillari, come suo costume e abitudine, ha ben figurato come organizzazione, come immagine, come gruppo coeso, ottenendo ottimi risultati che sono andati oltre le nostre previsioni».

Ed è proprio un altro importante risultato, giunto direttamente da Palmi, che fa esultare tutto il gruppo. Il Capitano, Michele Spingola e Raffaele Lagani hanno conquistato il titolo regionale di Corsa su Strada. L’esordiente Rosanna Iannibelli ha ottenuto uno straordinario secondo posto.

«Sicuramente un week-end da incorniciare - è stato il commento del presidente Milanese -. Non avremmo potuto sperare di meglio. La più grande soddisfazione è stata quella di aver portato 3 staffette in finale a Siena (eravamo i più numerosi), e per aver fatto provare, per la prima volta, le emozioni della gara a Federico, Anastasia, Ismael. Un’organizzazione impeccabile, tre giorni fantastici di ASI sport grazie al Dottor Sandro Giorgi e alla logistica della sig.ra Matilde Balloni».

Per restare aggiornati su tutte le attività della CorriCastrovillari e sulla Scuola di Atletica potete visitare le pagine Facebook e Instagram “CorriCastrovillari”.

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.