47 minuti fa:Il calabrese Natale Mazzuca nominato vicepresidente di Confindustria
1 ora fa:Nella Calabria del nord-est più di 160mila persone chiamate alle urne delle Amministrative di giugno
1 ora fa:Il San Marco in lista per diventare patrimonio Unesco, Straface ringrazia Occhiuto e Varì
4 ore fa:Unical, nuova tappa del percorso di studio “Ripensare l’Antimafia”
16 minuti fa:Nuove forze a supporto del Garante della Salute
2 ore fa:A Frascineto presto fruibile il sentiero Arcobaleno, dotato anche di tavolette braille
3 ore fa:Disputato a Co-Ro il "sociale primaverile di equitazione". Qui i nomi dei partecipanti
2 ore fa:Contributi per impianti fotovoltaici, per Scutellà (M5s) «è l'ennesima beffa del Governo»
4 ore fa:Alla Sala Mahler di Trebisacce il recital del pianista Giuseppe Adornetti 
3 ore fa:Falbo invita Chiaravalle per un sopralluogo sulle arterie stradali nel cassanese

Al castello ducale associazioni a confronto sulle questioni della mobilità e dei trasporti lungo lo Jonio calabrese

2 minuti di lettura

CORIGLIANO-ROSSANO - Lo stato in cui versano le principali infrastrutture della fascia ionica da Sibari a Crotone (tra queste principalmente la SS 106 e la rete ferroviaria jonica) sono oltremodo preoccupanti, ecco perché è necessario confrontarsi, ai vari livelli, per contribuire a formulare proposte concrete che vadano nella direzione di poter sperare che, nel breve periodo, qualcosa cambi.

Su questi argomenti si sono dati appuntamento sabato pomeriggio, presso il salone degli specchi del castello ducale di Corigliano, alcune associazioni del territorio chiamate a raccolta dall’associazione Il Serratore.

L’associazione ha raccolto attorno allo stesso “tavolo” di discussione l’Organizzazione di volontariato “Basta vittime sulla Strada Statale 106”, l’Associazione “Ferrovie in Calabria” e il “Comitato Magna Grecia”.

Tra i primi ad intervenire è stato Fabio Pugliese responsabile del Comitato scientifico-Centro studi Analisi e Ricerche dell’Associazione Basta vittime, il quale, ha fornito i dati sulla “mattanza” che quasi quotidianamente si consuma sulla Statale 106, la famigerata “Strada della morte”. Pugliese ha reso noto che sulla SS 106 sono state 205 le vittime di incidenti mortali dal 2013 al 31 dicembre 2022, per un costo sociale stimato in oltre 308 milioni. Solo nel 2022 le vittime sono state 27, il secondo numero più alto dopo l’anno più drammatico, il 2016, con ben 32 vittime: la maggioranza delle vittime - 156 – è di sesso maschile, mentre il maggior numero degli incidenti mortali si è registrato nel tratto cosentino della statale 106, infine il costo medio umano per decesso supera 1,5 milioni.

Roberto Galati dell’associazione Ferrovie in Calabria ha posto l’accento sulle condizioni davvero precarie in cui versa la strada ferrata ionica, proponendo, almeno nell’immediato, di poter potenziare l’attuale numero, assolutamente deficitario, delle corse degli intercity, in attesa che si possa dotare la linea jonica della elettrificazione e dell’alta velocità.

Domenico Mazza presidente del Comitato Magna Grecia, ha posto l’accento sull’attuale fase di “isolamento istituzionale” di cui è vittima il territorio jonico da Sibari a Crotone. Per Mazza è necessario mettersi insieme affinché si possano sviluppare, nel breve periodo, una serie di iniziative che vadano nella direzione di dar vita ad un ulteriore decentramento amministrativo nel territorio calabrese.

Ma accanto a questi interventi, si è registrato un interessante momento di dialogo con alcuni ospiti presenti in sala, i quali in virtù dell’esperienza maturata nei rispettivi campi di attività, hanno voluto fornire un fattivo contributo. Hanno preso la parola l’ex senatrice Silvana Abate, l’ex consigliere regionale, Franco Pacenza, l’ex sindaco di Rossano, Nicola Candiano e l’operatore turistico Natale Falsetta.

È intervenuto anche il sindaco di Corigliano-Rossano, Flavio Stasi, il quale ha risposto ad alcuni interrogativi posti, soprattutto dai rappresentanti dell’associazione Basta vittime, in merito alla posizione dell’ente sul futuro progetto di ammodernamento della SS 106.

In chiusura dei lavori è toccato ai due parlamentari presenti in sala, Ernesto Rapani e Domenico Furgiuele, concludere il dibattito. Sia Furgiuele che Rapani hanno dato atto dell’assoluta veridicità delle problematiche sollevate dai rappresentanti delle associazioni, da qui la necessità di avviare ulteriori incontri proprio al fine di dare pratica attuazione alle istanze presentate presso le sedi governative. 

Soddisfazione per quanto emerso nel corso della discussione è stata espressa dal presidente dell’associazione Il Serratore, Giorgio Tricarico, e dal direttore editoriale della rivista edita dall’associazione, Anna Maria Brunetti. Entrambi nel sottolineare l’interessante ventaglio di proposte e idee consegnate ai due parlamentari, hanno rimarcato l’esigenza di organizzare, prossimamente, altri momenti di confronto come quello di ieri sera.

Giacinto De Pasquale
Autore: Giacinto De Pasquale

Classe 1958, ha profondo rispetto per il lettore, da qui il motto “prima la notizia e poi il resto”. Giornalista dal 2002. È dal lontano 1976 che inizia a scrivere sul “Giornale di Calabria” di Pietro Ardenti. Inizialmente si occupa solo di cronache sportive. Sempre dal 1976 con “Radio Libera Corigliano” e poi con varie emittenti quali TLC, Video Erre e TeleA1 Corigliano. Nel corso degli anni si occupa anche di cronaca nera, politica e culturale. Ha collaborato con Gazzetta dello Sport, Gazzetta del Sud e Il Quotidiano della Calabria. È direttore della prestigiosa rivista culturale “Il Serratore” e gestisce il blog ilcoriglianese.it. Nel 2014 è nella redazione fondante de “L’Eco dello Jonio”. Oggi ritorna con l’entusiasmo di chi sa che fare informazione in questa nostra terra di Calabria è difficile, ma grazie all’Eco dello Jonio tornerà a raccontare in maniera sincera quello che accade, per contribuire alla crescita sociale e culturale di questo nostro fantastico territorio