15 ore fa:Paura a Cariati, un anziano bagnante investito da un motoscafo
21 ore fa:Alle persone che rispettano le regole è impedito andare al mare... dagli incivili
13 ore fa:La festa nella festa: a Schiavone la banda musicale improvvisa una deliziosa performance
21 ore fa:Incidente a Mirto, divelto (ancora una volta) il passaggio a livello
15 ore fa:La Trasfigurazione di Cristo e la polemica di un monaco calabrese sulla luce increata
14 ore fa:Il Roseto Jazz Festival ’22 prosegue nel segno della musica di Rossana Casale
16 ore fa:A Saracena ritornano le danze fiammeggianti della Notte del Fuoco
14 ore fa:A Co-Ro un week-end immerso nella tradizione: domani mare e montagna in festa
15 ore fa:La Vignetta dell'Eco
42 minuti fa:Il Peperoncino Jazz Festival fa tappa a Trebisacce per una tre giorni di musica e cultura

In Calabria il boom di pulcini di cicogna bianca, 111 nati in un anno

2 minuti di lettura

RENDE - Sono 111 i piccoli di cicogna bianca nati quest'anno in Calabria da 34 coppie, 15 in più rispetto al 2021. Anche il numero di coppie è aumentato passando dalle 31 del 2021 alle attuali 34, cosi distribuite: 22 nella Piana di Sibari (73 le nascite) 11 nella valle del Crati (34 le nascite) e 1 nella valle dell'Esaro con 4 nascite, tutte in provincia di Cosenza. Un trend positivo che aumenta di anno in anno: solo 10 anni fa le coppie che si sono riprodotte in Calabria erano appena 11 e 34 i piccoli nati, oggi sono più che triplicate.

Merito del progetto Cicogna bianca Calabria, lanciato esattamente 20 anni fa dalla sezione Lipu di Rende in collaborazione con e-distribuzione. «L'obiettivo era e rimane quello di favorire il ritorno e la nidificazione di questa specie attraverso l'utilizzo di nidi artificiali, una sorta di piattaforme circolari in legno posizionate sui pali e tralicci elettrici. Ad oggi su 34 coppie presenti in regione 31 si sono riprodotte su piattaforme nido, una chiara evidenza di come queste strutture abbiano avuto un ruolo determinante nel favorire il ritorno e la nidificazione della Cicogna bianca in Calabria, una specie assente dal nostro territorio da più di 500 anni», dichiara Roberto Santopaolo responsabile Lipu del progetto.

«E' la Piana di Sibari la zona più vocata alla specie per la presenza di risaie ed ampie zone aperte», sostiene la volontaria Lipu Katharina Werner che da anni, insieme ad altri volontari, segue la popolazione della Sibaritide monitorandola e raccogliendo dati utili alla ricerca scientifica. Non tutte le giovani cicogne nate sono però riuscite ad involarsi, 11 di loro purtroppo non c'è l'hanno fatta per motivi vari, selezione naturale, il caldo torrido di quest'anno, ma probabilmente anche per disturbo antropico. Ad esempio l'uso improprio di droni in prossimità dei siti di nidificazione che mette in allarme adulti e giovani che sono portati a buttarsi giù dai nidi quando ancora non sono in grado di volare.

«Una pratica che deve essere vietata e fortemente sanzionata perché rappresenta un grave pericolo per questa specie», sostiene Giorgio Berardi coordinatore regionale Lipu - Ora giovani e adulti sono insieme a godersi queste poche settimane prima del lungo viaggio migratorio che le porterà nel continente africano. Ma noi, sostengono i volontari Lipu, alla prossima primavera saremo ancora qui ad aspettarle, ci impegneremo per far trovare loro un ambiente possibilmente più ospitale e nuove case dove nidificare».

Inoltre due cicognini sono stati rinvenuti morti qualche giorno dopo l’involo in Valle Crati, l’uno per elettrocuzione, l’altro per cause ancora da stabilire, si è in attesa di conoscere l’esito dell’esame istologico da parte dell’istituto zooprofilattico di Cosenza. Un individuo adulto invece è stato recuperato nella piana di Sibari con un’ala rotta e prontamente trasferito al Cras di Rende ma la compromissione dell’osso non gli consentirà purtroppo di recuperare la funzionalità al volo.

E’ stata una stagione riproduttiva lunga, iniziata già a febbraio per alcune coppie e conclusasi a fine luglio con l'involo degli ultimi due cicognini, quelli della webcam per l'appunto seguiti da migliaia di persona in Italia, Europa e varie altre parti del mondo.

L'esperimento di posizionare una webcam su uno dei 34 nidi di cicogna, allo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica e fornire nuovi dati scientifici sulla specie, è stato molto positivo suscitando grande interesse, coinvolgimento e forti emozioni.

Ma la stagione riproduttiva di quest'anno si è anche caratterizzata per il forte impegno nell'attività di inanellamento, 43 i piccoli marcati con un codice alfanumerico impresso su un anello in policarbonato grazie alla disponibilità di e-distribuzione e al nostro socio e volontario Lipu, Mario Pucci, inanellatore ISPRA.

I successivi avvistamenti daranno utili informazioni sulle rotte di migrazione e di sosta di questi grandi veleggiatori. «Ora giovani e adulti sono insieme a godersi queste poche settimane prima del lungo viaggio migratorio che le porterà nel continente africano. Ma noi - sostengono ancora i volontari Lipu - alla prossima primavera saremo ancora qui ad aspettarle, ci impegneremo per far trovare loro un ambiente possibilmente più ospitale e nuove case dove nidificare».

(fonte comunicato stampa)

Redazione Eco dello Jonio
Autore: Redazione Eco dello Jonio

Ecodellojonio.it è un giornale on-line calabrese con sede a Corigliano-Rossano (Cs) appartenente al Gruppo editoriale Jonico e diretto da Marco Lefosse. La testata trova la sua genesi nel 2014 e nasce come settimanale free press. Negli anni a seguire muta spirito e carattere. L’Eco diventa più dinamico, si attesta come web journal, rimanendo ad oggi il punto di riferimento per le notizie della Sibaritide-Pollino.